Hypnotized, chi sono i Sophie and the Giants?

Sophie and the Giants, chi sono? Notizie e curiosità sulla band di Hypnotized

Tra le canzoni più ascoltate e trasmesse in radio, spicca sicuramente “Hypnotized” di Purple Disco Machine e Sophie and The Giants. Ma chi sono i Sophie and the Giants? Scopriamo insieme qualche informazioni in più su di loro.

Sono un gruppo musicale britannico letteralmente esploso proprio grazie al pezzo. Pensate che, ad oggi, contano “solo” 8.480 follower su Instagram.

La band è composta da Sophie Scott (cantante/chitarra), Toby Holmes (basso), Antonia Pooles (batteria) e Chris Hill.

Tra i brani della loro discografia, prima del successo con Hypnotized, figurano Runaway, Break the silence e The Light (del 2019), preceduti da Adolescence e Monsters del 2018.

Un EP pubblicato negli anni, intitolato appunto “Adolescence”.

Ecco cosa ha dichiarato Sophie Scott, nel 2018, come riportato sul sito ufficiale della band.

“Ho imparato molto facendo grandi errori. Quando sei più giovane pensi di sapere come funziona il mondo … Ma cazz0, non lo sai. Benvenuti nel mondo di Sophie and the Giants, praticanti di pop emotivo lungimirante e di sinistra: una fusione fresca e cruda delle influenze collettive della band – che vanno da Siouxsie e Debbie Harry a Radiohead e Jamie T.La band si è formata nella primavera del 2017. Sophie (voce e chitarra), Chris Hill (batteria), Antonia Pooles (basso) e Toby Holmes (chitarra), si sono trasferiti poco dopo nella loro città natale adottiva di Sheffield; più recentemente hanno portato in tour la loro serie di canzoni intense, affermative e in rapida espansione con artisti del calibro di Tom Grennan, Yonaka e Reverend e The Makers.

E al centro di tutto c’è il nuovo frontperson più accattivante del pop, la cui vita da adolescente è raccontata con incrollabile onestà nell’EP di debutto di Sophie and the Giants, Adolescence. È una raccolta le cui candide canzoni includono Waste My Air, che Sophie ha scritto l’anno scorso sulla fine di una relazione tossica. “Sono stata accecata dall’amore per molto tempo e ho sopportato la merd* a lungo, e ho capito di aver sprecato molto del mio tempo”, spiega – e per rendere le cose più complicate il suo ragazzo in quel momento era stato anche il suo chitarrista, nonché coinquilino di Sophie. “Ho avuto un’illuminazione, ho preparato le mie cose ed ero fuori lo stesso giorno”, ricorda Sophie. “Sapevo di dover impedire alle persone di calpestarmi e farmi sentire una merda. In quel momento, ero il più forte che avessi mai sentito. Waste My Air parla di come mi sentivo una volta uscita da quella relazione. Il tema della crescita e del ritrovamento di te stesso è forte durante Adolescence, un EP ricco di coraggio e fiducia. “Quando ero più giovane mi sentivo come se tutti e tutto fossero contro di me”, aggiunge oggi Sophie. “Non lo erano, e quando sono diventato più grande mi sono reso conto che stavo creando mostri nella mia testa. La canzone dice, guarda, non devi combattere contro tutti e tutto. Non tutti sono contro di te per tutto il tempo”.

I testi sinceri di Sophie possono benissimo colpire chiunque abbia difficoltà nella propria vita, ma sono anche Sophie che canta a se stessa più giovane. Si descrive come una bambina ansiosa, con problemi di fiducia non aiutati dal persistente bullismo che ha ricevuto a scuola per il “crimine” di avere i capelli rossi. È andata avanti per anni. Guardando indietro, è facile capire esattamente come e perché quell’infelicità a scuola abbia avuto un impatto sulla vita di Sophie a casa, dove lei litigava continuamente con i suoi genitori, ma allora Sophie era semplicemente considerata difficile, o testarda. Sophie si è unita a un coro dopo la scuola – una mossa che ha portato alla insolita esperienza di metà adolescenza di esibirsi alla Wembley Arena – che ha fornito una spinta di fiducia. Ma era stato scrivere canzoni nell’intimità della sua camera da letto, e in un’aula di musica scolastica occasionalmente deserta, a rivelarsi la salvezza di Sophie. “Non riesco a ricordare un tempo in cui non c’erano melodie nella mia testa”, osserva. “Quando ho iniziato a scrivere testi e suonare la chitarra, improvvisamente non era più tutto nella mia testa.”

Tutto ciò significava che a 18 anni lasciò le strade meschine di Staines e si diresse al college di musica a Guildford, nel Surrey, dove Sophie incontrò i suoi Giants. Tutti i membri hanno affrontato le proprie sfide al college di musica, dall’atteggiamento disfattista dei tutor che hanno preparato i musicisti per la vita come session artist, ai cantanti che volevano solo essere modelli. Sophie, ancora una volta, si sentiva esclusa da tutto questo, ma non era disposta a lasciare che la storia si ripetesse. “Al college hai tutte queste piccole cricche”, dice Chris. “Sophie non era in loro – e ho visto che questo le dava forza. L’ha cambiata completamente. È uscita più forte”.

Nella primavera del 2017 la band era stata insieme solo otto settimane, ma finì il college e fece un salto nell’ignoto, trasferendosi nella loro casa adottiva di Sheffield, con Sophie che si era innamorata della città dopo una visita con il frontman dei & The Makers Jon McClure, che successivamente è diventato un mentore non ufficiale della band.

“Vivendo insieme abbiamo capito chi siamo non solo come individui ma come unità”, aggiunge Sophie. “Abbiamo imparato molto nell’ultimo anno, ma soprattutto abbiamo imparato cosa significa effettivamente essere una band.”

il concetto dei “Giants” ha assunto un nuovo significato: questa è musica che significa “stare in piedi”. Si tratta di sapere chi sei, suggerisce Sophie. “Vogliamo che le persone si uniscano grazie alla nostra musica”, aggiunge Chris. “La cosa importante è che devi essere te stesso.” “Ci piacerebbe essere una band pop che fa la differenza rendendo la musica di nuovo umana”, aggiunge Sophie. “Ogni canzone che ho scritto proviene da esperienze che ho avuto; errori umani che ho fatto e vissuto. ” Stone Cold, ad esempio, è tutto incentrato sulla visione idiosincratica di Sophie dell’amore: “Le canzoni di cantanti donne parlano così spesso di amore non corrisposto, ma per me la maggior parte delle volte è il contrario: è sconvolgente non essere in grado di sentire la strada vogliono che tu lo faccia, perché sei così concentrato su altre cose. Poi c’è Space Girl, in cui Sophie discute di “passare tutta la tua infanzia ad aspirare a essere qualcosa, poi quando inizia a succedere inizi a chiederti se puoi gestirlo e cosa vuoi veramente”.

I Video di Blogo

Alessandro Cattelan, Ce la faremo