Ego: il singolo di debutto di Jasmine Carrisi (Testo e Audio)

Il testo e il video del singolo d'esordio di Jasmine.

Ego è il singolo di debutto di Jasmine Carrisi, o semplicemente Jasmine, la figlia di Al Bano di 19 anni.

Ego, disponibile dal 12 giugno 2020, è un singolo prodotto dalla etichetta A.C. Production e distribuito dalla major Sony Music Italy.

Jasmine Carrisi, musicista appassionata di musica rap e trap, ha esordito con una canzone dalle sonorità rap/pop, prodotta da Alterisio Paoletti, storico collaboratore di Al Bano. Il testo, firmato dalla stessa Jasmine, è una critica alla superficialità dei rapporti umani tra i giovani d'oggi.

Di seguito, trovate il testo di Ego; cliccando sulla foto in alto, potete ascoltare la canzone.

Jasmine - Ego: il testo

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto.

Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.
Chissà cosa nascondi dietro le lentine
Siamo in silenzio con mille cose da dire
Brindiamo con due calici di vetro
Mentre sprofondiamo nel nostro stesso ego.
Prendi la mia foto e giocaci a freccette
Il mio orologio non ha più lancette
Alle tue lezioni di vita, segnami assente.
Sono le quattro e sono ancora sveglia
Scrivo sui vetri appannati della mia finestra
Mi serve un’aspirina, nella testa c’è casino
Tu vieni qui, ti spengo come un accendino.
Dimmi, mi guardi e a cosa pensi
Ti nascondi nel cappuccio Fendi
Dimmi a cosa pensi dai
Se hai qualcosa dentro oltre quelle Nike.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

Parlo di me però a voce bassa
Chiusa tra le mura di questa stanza
ti ipnotizzo come per incanto
Vuoi giocare e giochiamo, scacco matto.
Se non capisci dimmelo che te lo rispiego
Se non ti vedo è perché mi stai dietro
Tutti mainstream, dove stanno quelli veri
Me ne fotto dei tuoi scleri.
Chissà cosa nascondi dietro le lentine
Siamo in silenzio con mille cose da dire
Brindiamo con due calici di vetro
Mentre sprofondiamo nel nostro stesso ego
Prendi la mia foto e giocaci a freccette
Il mio orologio non ha più lancette
Alle tue lezioni di vita, segnami assente.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

Guardiamoci dentro prima che intorno
Ora che quelle voci sono solo un contorno
Dritta per la mia strada anche quando va tutto storto
Stropicciamo i sentimenti come fossero un foglio
Affoghiamo in un gin tonic tra le luci del tramonto
Ho superato il limite il filo del rasoio.

  • shares
  • Mail