Cesare Cremonini a Blogo: "Fare un album è come scoprire un grande puzzle e mettere i Possibili Scenari uno vicino all'altro" [video]

Cesare Cremonini, l'intervista video su Blogo.it in occasione dell'uscita di Possibili Scenari.

Possibili scenari è il titolo del nuovo album di Cesare Cremonini, in uscita il 24 novembre 2017. Dieci pezzi inediti trainati dal singolo "Poetica". In occasione dell'uscita del disco, abbiamo incontrato il cantautore per parlare del suo lavoro in uscita e del suo tour negli Stadi, confermato per giugno 2018. Nonostante la presunta pausa al termine dell'ultima serie di concerti -come anticipato in conferenza stampa- Cremonini si è messo subito al lavoro per il disco che ascolteremo da venerdì. E proprio da questo siamo partiti, per cercare di capire cosa abbia ispirato il cantautore in così breve tempo.

Avevo appena finito un lungo viaggio in tour di due anni circa ed era il momento veramente di fermare tutto e di prenderci una lunga vacanza per andare di nuovo in maggese dove le cose si remineralizzano. Non ne sono stato capace e quindi ho fatto una settimana di vacanza e mi sono immerso nel lavoro del nuovo album. Il disco è come scoprire un grande puzzle e poi mettere, pian piano, i possibili scenari, uno vicino all'altro. Questo è il motivo per cui questo album si chiama così -Possibili scenari, ndr- è un viaggio molto lungo che fai dentro te stesso la cui fuoruscita è difficile trovarla e non sai quando la troverai. E finalmente, dopo due anni, ho capito di avere in mano quello che stavo cercando. Ed eccomi qua a presentarlo al pubblico

cesare-cremonini_foto-giovanni-gastel_4-media.jpg

Con Cesare abbiamo poi parlato di alcune tracce del disco -da Nessuno vuole essere Robin a Il cielo era sereno e Silent Hill- parlando del tema della solitudine e del passato, nelle sue varie sfumature.

E, ovviamente dei concerti negli Stadi a giugno 2018.

"Cosa vorresti che uno spettatore dicesse al termine del tuo concerto?"

A questo e ad altre domande, le risposte di Cesare nel video in apertura post.

Foto | Giovanni Gastel

  • shares
  • Mail