Niccolò Fabi, no addio definitivo alla musica: “I giornali hanno frainteso”

Il cantante romano smentisce sui social l’addio alle scene: “Notizia travisata dai titoli fuorvianti, l’informazione va approfondita”

Niccolò Fabi non lascia definitivamente la musica. Dopo la notizia di ieri, in cui lo stesso cantante ha dichiarato che dopo il concerto al Palalottomatica di Roma il 26 novembre prossimo si prenderà una pausa da questa fase della sua vita artistica, perché “ciò che avevo da dire l’ho detto“, oggi Fabi ha chiarito la sua posizione, con un comunicato stampa e un lungo post su Facebook:

Annunciazió Annunciazió.

Ma dimmi te se mi tocca commentare un articolo che parla di me. In venti anni è la prima…

Pubblicato da Niccolò Fabi su Giovedì 31 agosto 2017

“Ma dimmi te se mi tocca commentare un articolo che parla di me. In venti anni è la prima volta. E spero sia l’ultima”, con queste parole Niccolò Fabi ha iniziato il suo lungo sfogo, contro il sensazionalismo di alcuni giornali che – a suo dire – ieri hanno approfittato della situazione per uscire con “titoloni acchiappaclic”. Il cantante romano ha ribadito che il suo non è un addio alla musica:

Nell’italiano che frequento frasi come “considero conclusa una fase artistica della mia carriera”, “non credo di poter andare oltre in un certo tipo di canzone”, ” ho bisogno di una bella pausa in cui dedicarmi a progetti diversi” non sono esattamente sinonimi di “addio alla musica” o “ritiro definitivo dalle scene”. O forse sono solo sfumature?

Fabi ha trovato anche il tempo di ironizzare: “Potrei tornare tra due anni vestito in smoking rosa suonando in un gruppo salsa e merengue o in canotta tatuato di teschi in una band che fa solo cover dei Suicidal Tendencies. La libertà per cui ho lottato non contempla l’obbligo della scelta imperitura“. E ha anche ipotizzato che un eventuale suo addio definitivo alla musica non avrà così tanto clamore:

Quando me ne andrò per sempre non credo che avrò tempo e voglia di comunicarlo prima di un concerto o prima dell’uscita di un disco. Non è questo quello per cui ho lottato. Che è invece la libertà della scelta. La scelta di tacere o di parlare. E nel caso in cui ci fosse qualcosa da dire di farlo nei tempi e nei modi che si accordano alla mia natura

I fan, per il momento, possono tirare un sospiro di sollievo.