LCD Soundsystem, nuovo album nel 2016: James Murphy conferma, la traduzione del messaggio

La reunion dei LCD Soundsystem avverrà al Coachella 2016 e in arrivo c'è anche un nuovo album: lo conferma il leader della band.

TRAVERSE CITY, MI - AUGUST 22:  James Murphy DJs at The Malibu Rum Beach House Powered By Pandora  on August 22, 2015 in Traverse City, Michigan.  (Photo by Timothy Hiatt/Getty Images For PANDORA Media)

Gli LCD Soundsystem tornano con più energia che mai, e tanta affettuosa voglia di suonare. A confermare la riunione delle forze e addirittura un nuovo album per la superband americana è arrivata non solo l'ufficializzazione del loro ruolo di headliner al Coachella 2016 assieme a Guns N'Roses (altra reunion attesissima) e Calvin Harris, ma anche e soprattutto un lunghissimo messaggio scritto dal leader James Murphy e pubblicato sul sito ufficiale della band.

let’s just start this thing finally with some clarity.i write songs all the time. sometimes they’re just weird songs...

Posted by LCD Soundsystem on Martedì 5 gennaio 2016

Nelle parole di James Murphy c'è tutta la spiegazione su come sia stato deciso il ritorno degli LCD Soundsystem a cinque anni dal concerto (mandato in streaming ufficiale) che decretò lo scioglimento definitivo della band.

LCD Soundsystem, la reunion: la traduzione del messaggio di James Murphy

facciamo questa cosa con un po’ di chiarezza.
scrivo canzoni tutto il tempo. qualche volta sono solo strane canzoni che canto quando cambio un bambino, o canzoni su cose noiose che canto a me stesso, o ad amici mentre stiamo seduti al bar, o su Natale, o su New York. Qualche volta queste canzoni vivono nella mia testa per anni e ho strofe su strofe da aggiungerci, all’infinito. qualche volta sono solo fantasmi di idee e qualche volta invece sono cose completamente formate che scorrono di fronte a me, come se potessero facilmente tradursi in carne, solo per poi combattere strenuamente mentre cerco di appuntarle in qualche modo. qualcuna di loro l’ho fatta con amici in una stanza con gli strumenti. solo una piccolissima parte di queste diventa davvero canzone: viene registrata e potrebbe sembrare qualcosa da condividere. di queste, ne scrivo il titolo o qualche verso sulla pagina di un libretto che mi porto sempre dietro. oppure ne registro pezzettini in un registratore (o nel telefono, adesso). l’ho sempre fatto da quando ero bambino.

all’inizio del 2015, ho capito che ne avevo più di quante ne avessi avute nella mia vita. più di quante ne avessi in un disco degli LCD o di quando registravo nastri su nastri di cose tremende ai tempi del liceo. quantità di canzoni, e mi sono sentito perplesso. se le registro, che ci faccio? non dovrei registrarle tutte? l’ho preso in considerazione, ed era l’opzione più facile, ma mi sembrava un po’ bizzarro e arbitrario (oltre che codarda). ma se le avessi registrate tutte, ecco, avrei avuto -cosa?!- un disco?

ho chiesto a Pat e Nancy di venire nel mio appartamento per prenderci un caffè e ho detto loro: “registrerò un po’ di musica. devo inventarmi un nome per una band o fare un disco di James Murphy oppure dovrebbero essere gli LCD?”. ci abbiamo pensato su parecchio. abbiamo vissuto le nostre vite in questi ultimi cinque anni ed è stato bello, e questi ragazzi hanno fatto musica meravigliosa con i museum of love, juan maclean e tutta una serie di altre cose. mi sono arrangiato a divertirmi un po’ con cose stupide che fondamentalmente davano fastidio alle persone che erano nella band perché, beh, i tornelli della metro e i caffè non sono roba degli LCD.

al momento giusto, entrambi hanno detto “facciamo un disco degli LCD”. vedete, se non avessero voluto, cosa che avevo supposto, non ci sarebbero state cose a nome degli LCD. immaginatelo: faccio un disco, lo chiamo a nome LCD, poi venite al concerto e c’è un tipo qualunque che suona la batteria, o qualche altro che suona le tastiere. tremendo. oppure immaginate questo: faccio un disco “James Murphy” o a nome “Everteen” o qualunque altro nome che ho inventato nel tempo, e poi c’è Pat alla batteria, e Nancy. Forse Al se non è troppo impegnato con gli Hot Chip quindi può venire a suonare. Che c*zzo di roba sarebbe? Ecco le nostre scelte: 1. Fai musica con gli amici e chiamala in altro modo, che può essere divertente (Everteen) oppure egomaniaca fino al punto di diventare sociopatica (disco solista di James Murphy). 2. Fai musica, ma ostinati a escludere i tuoi amici per via degli errori in opzione precedente. 3. Fai un disco degli LCD con i tuoi amici, che vogliono fare il suddetto disco, e gestisci tutto quello che potrebbe derivarne. 4. Non fare musica, per evitare tutti gli orrori precedenti. 5. Fai musica e nascondi tutto.
Abbiamo chiaramente deciso per l’opzione numero 3 ed ero preparato a dare il benvenuto a un discreto numero di “fanc*lo a quel tipo”. È stranamente energizzante pensare di avere persone che sparano a caso su di te su internet. e c’è sempre stata una sorta di o.f.t.g con me(dico me e non noi perché, siamo onesti… nessuno si odia negli LCD, in parte perché sono non-odiabili, e anche perché hanno la saggezza di non chiudere troppo facilmente la bocca) e va bene così. ormai sono abituato e lo trovo pure divertente.

ma nella mia ingenuità non avevo visto una cosa: ci sono persone che non ci odiano, anzi sono particolarmente legate alla band e hanno dato molto di loro stessi alla band, e si sono sentiti traditi dal nostro ritorno. persone che avevano viaggiato per l’ultimo concerto al Madison Square Garden, lo avevano ritenuto un momento importante per loro, e adesso potrebbe sembrargli meno di valore. non lo avevo considerato. lo so, è ridicolo da parte mia. ho visto alcuni commenti online di persone che si sentivano così, e mi hanno accecato e reso incredibilmente triste. ho visto persone rispondere con cose tipo “se è quello che ti importa e non vuoi vederli più suonare, forse ti piaceva la band per strani motivi” e mi hanno fatto pensare. la verità è che, anche se capisco il punto di vista della risposta, da una parte sto con quelli che si lamentano: se ti importava davvero della band e ci hai messo tutto te stesso dentro quel momento (o in qualcosa che hai scelto) e adesso ti senti tradito, lo capisco completamente. è tuo diritto definire cosa ami di un gruppo ed è tuo diritto condannare le loro azioni e parole che non ti vanno bene perché sei tu, francamente, ad aver fatto la maggior parte del lavoro che sostiene la loro relazione, non la band stessa. ero pronto ad aspettarmi le critiche ciniche, che non avevo immaginato il lamento dal cuore. abbiamo sempre parlato di come non avremmo mai tradito nessuno che teneva a noi, ma lo stiamo facendo. Data la possibilità di fare nuova musica con le persone delle quali mi importa, e hanno dato una grande parte della loro vita a fare questa cosa strana insieme, e che volevano farla ancora, l’ho presa. e nel fare questo, ho tradito chiunque si sentisse tradito da questa azione. non credo comunque che tutte le persone cui piaceva la nostra band si sentano male, adesso. molte persone cui piaceva la band sono felici adesso, e siamo stati travolti dalle risposte tendenzialmente positive. la notte scorsa ero con nancy in uno strano bar italiano e abbiamo parlato di quanto c*zzo fosse bello che le persone fossero felici di averci di nuovo. ciò non ci allontana da chi si sente ferito. a voi lo dico: sono davvero dispiaciuto. l’unica cosa che possiamo fare adesso è tornare in studio e finire questo disco, facendolo il più bello possibile di come possiamo. deve essere meglio di qualunque cosa avessimo fatto in passato, secondo me, perché non avremo l’aiuto della prima volta. e dobbiamo suonare meglio di come abbiamo mai suonato, sinceramente. ogni concerto dovrà essere meglio di ogni miglior concerto cui abbiamo suonato in modo che nessuno possa dire “beh, bello. non bello come una volta, ma sai, è stato bello”. lo sappiamo. è salutare per noi, significa che torniamo in guerra, come agli inizi. per noi è sempre guerra, ma ora lo è con noi stessi. forse abbiamo un modo di farlo per bene.

In altre parole più pedanti: non suoneremo solo al Coachella. Suoneremo ancora. Non faremo un tour di reunion. Stiamo facendo uscire un album (in qualche momento di quest’anno: ci siamo ancora lavorando) quindi questo non è un giro della vittoria o qualcosa di simile, perché non avrebbe interesse per noi. questo è solo l’autobus pieno di supplenti che tornano dalla pausa caffè con nuova musica e le stesse strane strumentazioni - o almeno quelle che abbiamo ancora (è interessante ricomprare le stesse cose, e in alcuni casi ricomprarle dalle persone cui le hai vendute) e andare in giro cercando di fare più casino di chiunque altro. grazie al c*zzo che non siamo mai stati magri e giovani, almeno io non lo ero. succede sempre con le band… non sono grassi quando tornano a suonare, ma non so, sono più “spessi”. sono stato fortunato a cominciare che ero già grasso e vecchio, quindi non ci sarà nessuna c*zzata tipo “guarda come erano giovani!” in giro per internet. lo so, eravamo più giovani e tutto, ma non siamo mai stati giovani, se capite cosa intendo.

ultimo appunto: grazie a tutti voi che siete stati così carini con noi negli ultimi 14 (!) anni. se siete andati avanti e non vi piacciamo più, va bene lo stesso. ma per favore, se vi abbiamo dato una minima gioia, trovate qualcosa di nuovo e bello che mi conquisti, e postatelo sulla nostra pagina Facebook o roba simile con “oh, f*ttetevi! questa è roba vera” così possiamo ascoltare roba nuova. questo sarebbe il meglio per noi.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail