I 99 Posse finiscono sui libri di scuola

La band napoletana conquista un posto d’onore in un’antologia scolastica con il testo di Curre Curre Guaglio’ come esplicativo della rabbia giovanile.

Ci sono diversi motivi per consolidare la propria fama come artisti, dagli scandali di puro gossip fino all’impegno sociale, ma essere presenti con il testo della propria canzone più nota direttamente in un’antologia scolastica è decisamente quello più particolare e soddisfacente.

Protagonisti dell’inedito riconoscimento sono i 99 Posse, il gruppo napoletano attivo ormai da più di vent’anni sulle scene musicali italiane con fortune alterne e la forte impronta dell’impegno sociale che ha sempre caratterizzato la loro carriera (causando in passato anche diversi disordini basati sulle idee politiche).

La posse napoletana ha conquistato un posto nella didattica italiana proprio grazie al loro primo singolo di successo, Curre Curre Guaglio’, presente in un’antologia scolastica edita da Bruno Mondadori come testo esplicativo della rabbia giovanile.

Da un’altra foto reperita si vede anche che tipo di lavoro sul testo del brano viene richiesto agli studenti: sottolineare le parti che parlano di amore e le parti che parlano di odio, tenendo presente che il tema centrale è la rabbia come passione che muove il mondo e permette di ribellarsi alle situazioni che non piacciono o che vanno strette; inoltre, come approfondimento, viene chiesto agli studenti di scrivere un rap partendo dagli ideali dei giovani discussi in classe. Un lavorone intenso e molto promettente!

La contentezza espressa dai 99 Posse sulla propria pagina Facebook ufficiale è stata prontamente condivisa dai fan, che hanno però fatto notare come nel testo riportato sull’antologia siano state epurate una strofa e una frase più spiccatamente vòlte a criticare l’operato delle forze dell’ordine, contro i quali la band si è spesso scagliata nei propri testi. I 99 Posse non hanno commentato ulteriormente questa piccola censura ad opera dell’editore, limitandosi a godersi la fama con una battuta:

siamo sui libri di scuola, dove andremo a finire? 😀

Noi vi mettiamo le lyrics di Curre Curre Guaglio’ così come fu originariamente incisa dai 99 Posse, con il testo come di tutte le strofe, e ci uniamo alle congratulazioni: dopo Fabrizio de André, presente anche lui in diverse antologie con alcuni dei suoi brani più famosi, anche il collettivo napoletano ha il suo posto d’onore nella didattica italiana.

99 Posse – Curre Curre Guaglio’ (testo e video completo)

2-2-9-1-9-9-1
Un giorno come tanti ma non certo per qualcuno
qualcuno che da giorni mesi anni sta lottando
contro chi di questo stato na gabbia sta facendo
reprimendo attento ascolta dico reprimendo
chi da solo denuncia e combatte sti fetiente
e sa bene che significa emarginazione
esattamente quanto costa amare un centro sociale
Officina 99
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Siente ste parole d’odio e pure d’ammore
Si nu scatto di manette strette ai polsi dentro a un cellulare
Guagliò
Fa più rumore nel tuo cuore di un comizio elettorale
Guagliò
Si nu bisogno soddisfatto sei sicuro non ti puoi sbagliare
Guagliò
Vale cchiù ‘e na bella giacca c’o telefonino cellulare
Guagliò
Allora è chisto o’momento e tu l’he’ a’superà
Ca te piace o t’allamiente e’o momento d’occupà
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Si può vivere una vita intera come sbirri di frontiera in un paese neutrale
anni persi ad aspettare qualcosa, qualcuno, la sorte o perché no la morte
ma la tranquillità tanta cura per trovarla
sì la stabilità un onesto stare a galla
è di una fragilità guagliò
è di una fragilità guagliò
forse un tossico che muore proprio sotto al tuo balcone
forse un inaspettato aumento d’ ‘o pesone
forse nu licenziamento in tronco d’ ‘o padrone
forse na risata ‘nfaccia ‘e nu carabiniere
non so bene non so dire dove nasca quel calore
ma so che brucia, arde e freme
e trasforma la tua vita no tu non lo puoi spiegare
una sorta di apparente illogicità
ti fa vivere una vita che per altri è assurdità
ma tu fai la cosa giusta te l’ha detto quel calore
ti brucia in petto è odio mosso da amore
da amore guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Tante mazzate pigliate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate ma tante mazzate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate ma tante mazzate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate ma tante mazzate
Ma tante mazzate pigliate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate pigliate
Tante mazzate ma tante mazzate
ma una bona l’ammo data
è nato è nato è nato
n’atu centro sociale occupato
n’atu centro sociale occupato
e mò c’ ‘o cazzo ce cacciate
è nato è nato è nato
n’atu centro sociale occupato
n’atu centro sociale occupato
e mò c’ ‘o cazzo ce cacciate
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò
Curre curre guagliò

Pecché primma mettite ‘e bombe e po’ ‘o vulite a me
e me mettite ‘e mane ‘ncuollo si ve chied’ ‘o pecché
mammà ‘e guardie a casa s’avette ‘a veré
e nu spazio popolare nun è buono pecché
pecché è controculturale o magari pecché
rompe ‘o cazz’ a troppa gente si ma allora pecché
tu me può rompere ‘o cazzo e no i’ pure a tte
me se ‘ntosta ‘a nervatura e ‘o saccio buono pecché
pecché me so’ rutt’ ‘o cazzo pure sulo ‘e te veré
figurammece a sentì’ che tiene ‘a ricere a me
strunzate ‘e quarant’anne ‘e potere pecché
pecché ‘a gente tene famme e se fa strunzià’ ‘a te
e tu me manne ‘o celerino ca me sgombera a me
ma nun basta ‘o manganiello mo’ t’ ‘o dico oi né
pecché nun me faje cchiù male aggio ‘mparato a caré’
Curre curre guagliò…

Foto | Facebook

Ultime notizie su Italians Do It Better

Tutto su Italians Do It Better →