Rolling Stone: Fabri Fibra a ruota libera su Ligabue e Vasco Rossi

fabri fibra contro ligabue e vasco rossi

Fabri Fibra ha rilasciato un'intervista su Rolling Stone in previsione dell'uscita del suo libro "Dietrologia. C’è chi vuole uscire da questo mondo di plastica". E nelle parole non si è risparmiato su alcuni cantante molti amati in Italia. Per esempio su Ligabue, uno che non capisce di musica ed è considerato erroneamente il Bruce Springsteen italiano:

"Ogni volta che entro in un ipermercato, dopo 10 minuti tra gli scaffali risuona un pezzo di Ligabue. Non conosco nessuno tra quelli che ascoltano Ligabue che capisca di musica. E non è per buttarla addosso a Ligabue, che è uno che lavora duro: il problema è come la gente lo vive: per i fan è il Bruce italiano, e allora poveretto anche lui è chiuso in una gabbia, che si chiede come uscirne. Lui non è seguito perché è figo. E' seguito perché è capito a differenza di Battiato. Non c’è un cazzo da capire oltre ciò che dice: Cos’ha di rock? E’ un cantautore buono per l’italiano che sogna lo stesso lavoro per cinquant’anni e il posto fisso"

E Vasco Rossi? Con lui è stato meno 'impetuoso' (forse):

"Ora sta tentando di capire il web, vedremo se gli riuscirà di uscire dalla routine, e se i fan glielo permetteranno. Un po’ li invidio quelli della vecchia guardia. Perché all’epoca se facevi centro, eri accolto nell’Olimpo. Guarda quanti sono tuttora in giro per aver cantato una sola canzone"

Infine, una condanna alle droghe e un'opinione sulle donne italiane:

"Le italiane sono vittime della grande bugia italiana: l’amore. Una massa di film e canzoni ha consolidato questa zavorra per cui l’amore dev’essere la cosa più importante della vita"

Via | TgCom

  • shares
  • Mail