U2: il rinvio del tour americano è costato 120 milioni di euro!

“Che suoniamo o no, il tour ci costa sempre 500.000 sterline (600.000 euro circa) al giorno.” Con questa laconica affermazione, il manager degli U2 Paul McGuinness ha esordito la sua intervista al Sun affermando che il rinvio del tour della rock band irlandese, dovuto alle precarie condizioni di salute di Bono Vox (sta lentamente recuperandosi


“Che suoniamo o no, il tour ci costa sempre 500.000 sterline (600.000 euro circa) al giorno.”

Con questa laconica affermazione, il manager degli U2 Paul McGuinness ha esordito la sua intervista al Sun affermando che il rinvio del tour della rock band irlandese, dovuto alle precarie condizioni di salute di Bono Vox (sta lentamente recuperandosi da un’operazione d’urgenza alla spina dorsale), è un vero e proprio fiume di denaro che stanno perdendo giorno dopo giorno:

“Come è naturale che sia, Bono e compagni sono coperti da un’assicurazione. Certo però che i titanici costi di gestione della macchina organizzativa lasciata ferma, e soprattutto i mancati introiti derivanti dai concerti annullati, una volta che Bono si sarà ripreso del tutto potrebbero raggiungere e superare tranquillamente le 100 milioni di sterline (120 milioni di euro).”

Così facendo, quindi, trovano una più che valida motivazione le recenti indiscrezioni secondo le quali gli U2 starebbero attualmente lavorando su tre progetti discografici distinti: speriamo solamente che alla gigantesca voglia di rimpinguare nuovamente le casse del gruppo corrisponda un’altrettanto grande passione e dedizione artistica nel dare alla luce questi tre nuovi CD.

I Video di Soundsblog

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →