The Supremes, è morta Mary Wilson

E’ morta a 76 anni Mary Wilson, membro delle The Supremes. La cantante aveva 76 anni e l’addetto stampa ha confermato la notizia

Mary Wilson, tra le fondatrici e componenti delle The Supremes, è morta a 76 anni. La conferma alla notizia è stata data dal suo addetto stampa alla CNN, in queste ore.

Jay Schwartz, suo amico di lunga data e anche pubblicista, ha dichiarato -poco fa- che la Wilson “è morta improvvisamente questa sera”.

La cantante si trovava a casa sua a Henderson, nel Nevada.

I servizi saranno privati a causa delle restrizioni del Covid-19 ma una celebrazione della vita di Wilson si svolgerà entro la fine dell’anno, ha assicurato il suo addetto stampa.

Mary Wilson è stata, insieme a Florence Ballard e Diana Ross, al centro del successo e della fama internazionale proprio grazie al gruppo The Supremes.

“Wilson era un “trendsetter che ha abbattuto le barriere sociali, razziali e di genere. La loro influenza non solo continua nell’R & B, nel soul e nel pop contemporanei, ma hanno anche contribuito a spianare la strada al successo mainstream degli artisti neri in tutti i generi”

Queste le parole di commiato aggiunte da Jay Schwartz nel comunicare la scomparsa della sua amica e assistita.

Ha dato il via alla sua carriera a Detroit nel 1959 come cantante in quello che allora veniva chiamato “The Primettes”. Sono diventate poi “The Supremes”, il gruppo di maggior successo della Motown degli anni ’60, con 12 singoli al numero uno tra cui “Where Did Our Love Go”, “Baby Love” e “Stop! In the name of Love”.

Nel comunicato, Schwartz ha anche aggiunto e giustamente sottolineato:

L’eredità di Wilson è andata oltre il canto. È diventata un’autrice di bestseller, oratrice motivazionale, imprenditrice e ambasciatrice culturale degli Stati Uniti. La Wilson ha usato la sua fama e il suo talento per promuovere una varietà di sforzi umanitari tra cui porre fine alla fame, aumentare la consapevolezza sull’HIV / AIDS e incoraggiare la pace nel mondo”