Concerti: torna la capienza al 100%, ma attenzione ad alcune restrizioni burocratiche

Da oggi, finalmente (FINALMENTE!), cadono le principali restrizioni legate allo stato emergenziale causato dal Covid-19, e per gli amanti della musica il risultato principale è che la capienza di club, locali, discoteche, stadi tornerà al 100%, consentendo ai musicisti di tornare in tour per tutti i loro fan.Per chi va a concerti, però, occorre fare

Da oggi, finalmente (FINALMENTE!), cadono le principali restrizioni legate allo stato emergenziale causato dal Covid-19, e per gli amanti della musica il risultato principale è che la capienza di club, locali, discoteche, stadi tornerà al 100%, consentendo ai musicisti di tornare in tour per tutti i loro fan.

Per chi va a concerti, però, occorre fare attenzione a certi obblighi e cavilli che sono stati inseriti nell’ormai famoso e liberatorio decreto approvato dal Consiglio dei Ministri nella seduta del 17 marzo 2022: alcune restrizioni burocratiche rimangono, ed è meglio starci attenti.

Concerti dall’1 Aprile: attenzione alle (piccole) restrizioni

  • Gli artisti potranno lanciare plettri solamente confezionati. Quelli che scapperanno dalle mani mentre suonano, saranno raccolti dalla security e sterilizzati con il fuoco.
  • Per evitare troppi contatti con troppe persone al chiuso, gli addetti al merchandising non saranno più situati all’interno dell’area concerti, ma fuori dai cancelli. Gli addetti al merch ufficiale avranno pettorine arancioni con la scritta “Merch Ufficiale”, mentre ai venditori abusivi sarà consentito esporre i propri banchi, ma dovranno indossare una pettorina gialla con la scritta “Merch contraffatto”.
  • Gli artisti saranno disponibili per foto e autografi dopo i concerti, ma incontreranno solo i fan che indossino una tuta completa anti-contaminazione (in inglese si chiama Hazmat, e il decreto la definisce esattamente con questo termine).
  • Per snellire le code all’ingresso, il biglietto per lo show sarà nominale, ma green pass e documento di identità verranno chiesti durante il concerto da appositi addetti alla security con pettorina, che passeranno fra il pubblico dotati di torcia elettrica e computer palmare. Al pubblico è richiesta moderazione nel pogo.
  • Stagediving vietato a metà: tuffarsi dal palco non sarà proibito, ma per evitare contatti con sconosciuti, sarà vietato prendere al volo chi sta saltando. Sarà consentito ad una sola persona, delegata dalla security, tendere la mano allo stagedivier per farlo alzare dopo che avrà toccato il suolo, e poi entrmabi dovranno sanificare le mani.
  • Per chi ama bere ai concerti, attenzione: per evitare di stare troppi minuti senza la mascherina mentre si sorseggia, in accordo con il Ministero delle Politiche Giovanili, fino all’Estate sarà consentito bere solo un alcolico durante il concerto.
    Nel decreto non è specificato come ogni locale dovrebbe attuare questa regola, ma probabilmente si utilizzeranno braccialetti o timbri.

Sperando che altri cavilli non si aggiungano a questa già assurda lista, auguriamo a tutti gli amanti della musica live un buon ritorno ai concerti, da oggi 1 Aprile 2022 fino alla fine dei tempi!