Morrissey contro i Simpson: ecco cosa è successo

Morrissey al centro di una parodia nell’ultimo episodio dei Simpson? Ecco cosa è successo e lo sfogo del cantante

Morrissey si è sfogato, in un lungo post sul suo sito web ufficiale, contro i Simpson. Secondo il cantante, infatti, il cartone animato avrebbe dato vita ad una parodia non gradita e giudicata “offensiva” nei suoi confronti. Ma capiamo bene cosa è successo.

L’episodio dei Simpson in questione – “Panic on the Streets of Springfield“, andato in onda domenica scorsa – vede Lisa innamorata di un musicista britannico vegano di nome Quilloughby (doppiato da Benedict Cumberbatch), che in precedenza era il leader di una band chiamata Snuffs.

Il personaggio appare per la prima volta come un amico immaginario di Lisa, influenzando il suo comportamento più cupo, e canta anche canzoni contraffatte (co-scritte da Bret McKenzie dei Flight of the Conchords) come “Hamburger Homicide” e “Everyone Is Horrid Except Me (And Possibly You) ). ” Quando Lisa vede il vero Quilloughby e gli Snuff in concerto, è allarmata nello scoprire che è uno xenofobo carnivoro.

Riferimenti che, secondo Morrissey, non sarebbero per nulla casuali. Dopo l’episodio, il manager dell’artista, Peter Katsis ha criticato i Simpson – tramite la pagina Facebook del cantautore – per “aver cercato di trarre vantaggio da polemiche a buon mercato e per aver esposto voci viziose”. Ha anche condannato la rappresentazione dello show di Quilloghby (che ha descritto come il “personaggio Morrissey”) come un “razzista, senza sottolineare alcun caso specifico”. Fox e The Simpsons non hanno replicato.

Sempre Katsis, a Rolling Stone, ha commentato:

“È divertente che nessuna delle storie parli delle false rappresentazioni o di ciò che hanno fatto i Simpson. I Simpson affermano che si tratti di un gruppo di diversi artisti, ovviamente quindi non li citiamo in giudizio. Quello di cui nessuno parla è quanto sia veramente offensivo. Il ragazzo è ancora un super vegano. Il suo credo nei diritti degli animali è ciò che lo ha portato a questo punto. “

Katsis ha detto che al momento non stanno pianificando un’azione legale, ma “sicuramente cercheranno delle opzioni”.

Nelle scorse ore, lo stesso Morrissey ha preso parola sulla questione:

Questo è il mio primo commento (e si spera l’ultimo) sull’episodio dei Simpson – che so ha fatto infuriare molte persone. L’odio mostrato nei miei confronti dai creatori dei Simpson è ovviamente una causa provocatoria, ma che richiede più finanziamenti di quando potrei forse racimolare per lanciare una sfida. Nemmeno ho una squadra d’affari determinata di professionisti legali pronti a lanciarsi. Penso che questo sia generalmente compreso ed è il motivo per cui sono attaccato così distrattamente e rumorosamente. Sei particolarmente disprezzato se la tua musica colpisce le persone in modo forte e bello, dal momento che la musica non è più richiesta. In effetti, la cosa peggiore che puoi fare nel 2021 è dare un po’ di forza alla vita degli altri. Non c’è posto nella musica moderna per chiunque abbia forti emozioni. Sono stati posti limiti all’arte e nessuna etichetta firmerà un artista che potrebbe replicare. Comunque, perdonami, lo sappiamo tutti perché possiamo vedere come la musica – e il mondo in generale, sia diventato un pasticcio ipnotizzante e dobbiamo lasciarlo fare in modo insopportabile perché la libertà di parola non esiste più. Lo sappiamo tutti. Nel mio caso, niente della mia vita è mai stato un dato di fatto; niente delle mie canzoni è mai stato un dato di fatto … quindi perché dovrebbero esserlo adesso? Dalla mia prima intervista, diversi decenni fa, ho convissuto con accuse orribili a tal punto che è generalmente inteso che “questo è il modo in cui scriviamo di Morrissey”. In altre parole, ci sono abbastanza abituato. Ho avuto abbastanza orrore nei miei confronti. Le accuse di solito vengono da qualcuno con un folle desiderio di importanza; non operano a un livello molto alto. Scrivere per I Simpson, ad esempio, richiede evidentemente solo una completa ignoranza. Ma tutte queste cose sono troppo facili da dire per me. In un mondo ossessionato dalle leggi sull’odio, non ce n’è nessuna che mi protegga. Spesso, i fogli scandalistici (li chiamiamo ANCORA “giornali”?) tentano di ferire psicologicamente un artista, e poi, si spera, suscitano abbastanza odio contro quell’artista da renderlo fisicamente ferito. Le false teorie sulla razza sono ora l’aspetto più comune (e noioso) di tutte le critiche e continueranno ad esserlo fino a quando le accuse di razzismo non saranno di per sé illecite. Ho visto i “fan degli Smiths” attaccati dalla stampa britannica con la motivazione che i “fan di Smiths” sono troppo arretrati per capire la persona che sono. Ho visto l’attuale pubblico di Morrissey essere ridicolizzato dalla stampa britannica con la convinzione che anche loro non avrebbero potuto sapere chi sono, e ho perso diversi amici di alto profilo perché non potevano più convivere con la notte e il giorno molestie da parte di giornalisti britannici che sono angosciati perché non possono esortare le persone intorno a me a raccontare incidenti rivelatori di razzismo. Affronterò da solo questa faticosa battaglia, anche se sono molto grata alla scrittrice Fiona Dodwell per le sue eloquenti valutazioni della vittimizzazione che ora si associa automaticamente al mio nome, e su cui festeggia l’ultimo episodio di The Simpsons. Le persone mi chiedono continuamente perché non mi rappresento, soprattutto dopo la calunnia aperta di Sky Sports. La risposta è spiegata nelle prime righe di questo commento. La vita è difficile e devi affrontarla da solo, e anche con l’artiglieria legale impossibile da immaginare, tutto può essere riparato … tranne il cuore umano. È più facile per me non andare avanti. Sai che non potrei durare”

I Video di Soundsblog