Miguel Bosé ha subito una rapina in casa, ma assicura: “Non lascerò il Messico”

Brutta avventura per il cantante spagnolo.

Di Marcello Filograsso  

Il cantante spagnolo Miguel Bosé ha subito nella sua casa di Città del Messico, dove un gruppo di dieci persone armate ha trattenuto lui e i suoi figli per più di un paio d’ore.

“Cari amici, venerdì notte un commando di 10 persone armate ha fatto irruzione nella mia casa, ci ha aggredito, ha legato i miei figli, il personale della casa e me per più di due ore, ha scritto l’artista sul suo account Instagram.

Bosé, che ha ribadito che non andrà via dal Messico, ha dichiarato che stanno tutti bene, nonostante i malviventi abbiano portato via anche la sua macchina. Secondo lui la dinamica della rapina farebbe pensare a un piano ben architettato.

L’artista ha chiesto ai suoi fan di non lasciarsi andare alle speculazioni, soprattutto dopo che alcuni giornali avevano detto che avrebbe lasciato il Paese, dove risiede ormai da cinque anni. “Mi dispiace molto deludervi, eccomi qui e qui rimarrò ad affrontare qualsiasi cosa, nel Paese più ospitale del pianeta. Continuiamo”, ha sentenziato.

I malfattori avrebbero sorpreso Bosé nel piano terra della casa, mentre i suoi figli erano in quelli superiori. Dopo lo avrebbero rinchiuso in una stanza insieme ai figli e alle collaboratrici domestiche. Hanno portato via anche gioielli, contanti, oltre a un Suv con cui sono fuggiti.

Finora le autorità di Città del Messico non si sono pronunciate sulla questione anche se, stando a quanto raccontano alcuni mass media, il cantante non avrebbe sporto denuncia in seguito all’aggressione.

Classe 1956, originario di Panama, Miguel Bosé é probabilmente il cantante spagnolo più famoso al mondo. Il suo ultimo album è Amo, pubblicato nel 2015. Nel 2004 ha condotto per Italia 1 uno dei primi talent show della televisione italiana, Operazione Trionfo, in realtà non un grande successo negli ascolti (a vincerlo fu Bruno Cuomo). Nel 2011 è diventato padre di due gemelli, Diego e Tadeo, avuti con la gestazione per altri.