Mark Lanegan è morto a 57 anni: il ricordo del cantante di amici e colleghi

Mark Lanegan è scomparso all’età di 57 anni. Ecco le parole e il ricordo di colleghi dopo la notizia della sua morte

Mark Lanegan è morto a 57 anni. L’improvvisa notizia ha scosso il mondo della musica e suscitato numerosi commenti, ricordi e addio nei confronti del compianto leader degli Screaming Trees, band ironica del grunge e collaboratore con i Queens of the Stone Age.

Su Facebook, ecco le parole del compagno di band di lunga data di Lanegan, Barrett Martin:

“Il nostro amato fratello, collaboratore e compagno pirata è passato nel mondo degli spiriti oggi. Mark Lanegan si sta muovendo rapidamente attraverso i regni ora, quindi lodiamo la sua grandezza, il suo talento e la sua umanità. Può ancora sentirci. Dopo quasi due decenni in giro per il mondo negli Screaming Trees, siamo diventati tutti fratelli in un modo diverso da qualsiasi altro tipo di fratello. Mark era certo pieno di contraddizioni, ma in quale altro modo poteva esserlo, quando era destinato a cantare il blues? Solo chi comprende l’oscurità dell’umanità può anche cantare della sua luce, e Mark potrebbe cantare entrambi i lati, superbamente. A causa di quella contraddizione, abbiamo capito Mark in un modo che solo un gruppo letterale di fratelli può capire, perché abbiamo visto tutto, in prima persona, insieme, in quei decenni on the road e in studio. Mark ha avuto una voce per secoli, davvero uno dei grandi cantanti americani di tutti i tempi. I critici hanno spesso affermato che la sua voce proveniva dal consumo di whisky, ma Mark cantava così quando era giovane e sobrio, una voce antica piantata nel corpo di un giovane. A proposito, non abbiamo mai visto Mark toccare una goccia di whisky: il gin & tonic era la sua bevanda preferita e molte sigarette. I critici non hanno mai capito bene.

Martin, poi continua, parlando del collega e amico:

Our beloved brother, collaborator, and fellow pirate has passed into the spirit world today. Mark Lanegan is moving…

Posted by Barrett Martin on Tuesday, February 22, 2022

Spesso scherzavamo dopo lo scioglimento della band nel giugno del 2000 sul fatto che potessimo finalmente essere amici, ora che non eravamo più in una band. Ed eravamo amici, anche se a distanza, e soprattutto tramite e-mail e telefonate occasionali. Il libro rivelatore di Mark, “Sing Backwards And Weep”, ha sfregiato molti nel modo sbagliato, ma dopo che lo shock iniziale è svanito, abbiamo fatto pace e riso del senso dell’umorismo ironico e del grande stile narrativo di Mark. Mark ha avuto la capacità di raccontare la più orribile delle storie, eppure hai riso a crepapelle mentre faceva girare il filo alla sua conclusione. Aveva quello spirito acuto che hanno tutti i grandi scrittori perché aveva anche una visione acuta del cuore delle persone e ci ha mostrato l’intero spettro dell’umanità. È giusto che Mark muoia nella sua patria adottiva, l’Irlanda, dove era orgoglioso delle sue origini irlandesi e dei suoi capelli rossi. E in realtà, tutti gli Screaming Trees hanno radici irlandesi nelle nostre famiglie, quindi siamo tutti lì con lui, mentre torna sulla Terra

Altri colleghi hanno poi salutato pubblicamente Lanegan.

Iggy Pop ha scritto: “MESSAGGIO DI IGGY: Mark Lanegan, RIP, il più profondo rispetto per te. Il tuo fan, Iggy Pop””

Tim Burgess “Oh no. Una terribile notizia che Mark Lanegan ci ha lasciato. Buon viaggio amico – ci mancherai”

Garbage: “Terribilmente rattristati nell’apprendere la notizia della scomparsa di Mark Lanegan. Un artista molto dotato, benedetto con toni sfumati di miele, andato via troppo presto”

 

Badly Drawn Boy: La notizia della morte di Mark Lanegan mi ha giustamente paralizzato. Sono assolutamente sventrato. L’ho incontrato in un paio di occasioni ed ero nervoso perché lo amavo così tanto. Era un perfetto gentiluomo, davvero gentile. Uno dei grandi cantanti degli ultimi 30 anni. Sono così triste…