Liberato, chi è: il cantautore è Gennaro Nocerino?

Liberato è Gennaro Nocerino? Svelata l’identità del cantautore misterioso? Ecco perché prende sempre più piede questa tesi…

Nelle ultime ore sembra essere stata svelata l’identità di Liberato, cantante diventato noto a partire dal 2017 e senza un nome e un volto. Era anche questo il fascino, il mistero che si celava dietro agli abiti dell’artista. Ma, a quanto pare, Liberato potrebbe essere … Gennaro Nocerino. Ecco come è nata questa tesi che ha preso sempre più piede e non è ancora stata smentita (nè confermata…) dal diretto interessato o dal suo staff.

Cliccando sul sito della Siae e facendo una breve ricerca, ecco cosa si può notare. Cercando “Future romance” nella categoria musica, esce come risultato un pezzo che ha proprio Liberato come “Compositore e autore”. E sempre questo pezzo, su You Tube, mostrerebbe tutti gli autori presenti sul sito Siae tranne uno, proprio quello di Liberato. Al suo posto, il nome Gennaro Nocerino. Un’identità tenuta segreta per anni e svelata, apparentemente, proprio attraverso l’elenco autoriale che non combacia. Nocerino, tra l’altro, è un musicista noto nell’ambiente dell’elettronica e usa il nome d’arte di Herr Styler (ascolta qui).

Come anticipato già prima, questa curiosa tesi non è stata né smentita né confermata dai diretti interessati. Mai lo sarà?

Liberato, chi è?

Chi è Liberato? É un cantautore che, nei suoi pezzi, utilizza il napoletano, spagnolo e anche l’inglese. Il 14 maggio 2017, nel giorno di San Valentino, ha rilasciato su YouTube il primo singolo, intitolato “Nove maggio”. Il pezzo viene condiviso anche in streaming e, pochi mesi dopo, proprio il 9 maggio, ecco uscire un altro brano, Tu t’e scurdat’ ‘e me.

Ha pubblicato due album, ad oggi: Liberato (nel 2019) e Liberato II (nel 2022) con sei inediti e una cover. Pochi giorni fa, il 20 luglio 2022, si è esibito in un concerto gratuito a Procida.

Come ad accordi con la sua etichetta discografica, non è mai stata svelata la data dell’artista, rimasto senza volto e senza nome. Solo in un’intervista per Rolling Stone, avvenuta via mail, disse di essere nato a Napoli e di chiamarsi Liberato. Nelle immagino pubbliche è incappucciato, si fa accompagnare da un sosia oppure ha il volto coperto da uno schermo, come avvenuto in concerto al Rock in Roma.