Britney Spears, le rivelazioni sul padre della cantante nel documentario “Framing Britney Spears”

Nel documentario Framing Britney Spears, si parlerà anche del rapporto della cantante con il padre: ecco qualche anticipazione

The New York Times Presents: Framing Britney Spears è un documentario annunciato e a breve disponibile che promette, dalle anticipazioni, di fare chiarezza sulle luci e ombre della vita della popstar internazionale. E, come riportato da PopCrush, un ex dirigente di un’etichetta discografica che lavorava con la Spears avrebbe rivelato che il padre della pop star, Jamie, era per lo più assente nei primi anni della sua carriera e solo interessato che sua figlia diventasse ricca in modo da poter provvedere a lui.

La notizia arriva dall’UsWeekly che ha svelato un’anteprima esclusiva del prossimo documentario che si è calato nei dettagli più intimi della vita e della carriera di Britney. Sono stati intervistati i membri della cerchia ristretta della cantante di “Toxic”, incluso l’ex dirigente marketing della Jive Records, Kim Kaiman. In base a quanto riportato dal sito, Kaiman avrebbe detto che la madre di Britney, Lynne, sosteneva sua figlia, mentre suo padre era assente all’inizio della sua carriera musicale.

Non ho mai parlato con suo padre. L’unica cosa che Jamie mi ha mai detto è stata: ‘Mia figlia diventerà così ricca che mi comprerà una barca.’ Questo è tutto quello che dirò di Jamie”

Non sono molto diverse le dichiarazioni di Nancy Carson, un’agente di talento che ha aiutato Britney a ottenere un ruolo off Broadway in un musical di New York City quando era bambina. Anche secondo quanto avrebbe raccontato lei, Jamie non era presente durante l’infanzia dell’icona pop.

“Jamie faceva visita di tanto in tanto ed era ansioso di vedere che questa cosa valesse la pena in modo da poter giustificare i soldi che costava per farlo”

Felicia Culotta, amica di famiglia ed ex assistente personale, ritiene che Britney stessa condividerà la sua storia con le sue stesse parole.

“So che a un certo punto racconterà la sua storia. So che lo farà. E sono così grata per quando arriverà a quel punto, in cui sarà in grado di sedersi e … tutto andrà a posto”

I Video di Soundsblog