Fiori rosa fiori di pesco, Lucio Battisti: ascolta la canzone, leggi testo e significato

Lucio Battisti, Fiori rosa fiori di pesco: testo e significato della canzone. Ecco di cosa parla il brano, ascolta il pezzo

Fiori rosa fiori di pesco è una canzone di Lucio Battisti pubblicata nel 1970.  Il lato B del pezzo era Il tempo di morire. In quell’anno, partecipò al Festivalbar e vinse l’edizione. Qui sotto potete ascoltare il pezzo e leggere il testo.

Fiori rosa fiori di pesco, Ascolta la canzone

Nella canzone, Lucio Battisti rappresenta la primavera come momento di nascita e di fioritura anche sentimentale. Racconta l’amore verso una donna che non riesce a dimenticare. Va a cercarla ma quello che scopre non è qualcosa che lo fa sentire rassicurato o felice.

Qui un video dell’esibizione di Lucio Battisti, Fiori di rosa fiori di pesco.

Lucio Battisti, Fiori rosa fiori di pesco, Testo canzone

Fiori rosa, fiori di pesco, c’eri tu
Fiori nuovi, stasera esco, ho un anno di più
Stessa strada, stessa porta
Scusa se son venuto qui questa sera
Da solo non riuscivo a dormire perché
Di notte ho ancor bisogno di te
Fammi entrare per favore, solo
Credevo di volare e non volo
Credevo che l’azzurro di due occhi per me
Fosse sempre cielo, non è
Fosse sempre cielo, non è
Posso stringerti le mani?
Come sono fredde, tu tremi
No, non sto sbagliando, mi ami
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero (non siamo stati mai lontani)
Dimmi ch’è vero (ieri era oggi, oggi è già domani)
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è ve-
Scusa, credevo proprio che fossi sola
Credevo non ci fosse nessuno con te
Oh, scusami tanto se puoi
Signore, chiedo scusa anche a lei
Ma, io ero proprio fuori di me
Io ero proprio fuori di me, quando dicevo
Posso stringerti le mani?
Come sono fredde, tu tremi
No, non sto sbagliando, mi ami
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero, vero
Dimmi ch’è, dimmi ch’è vero, ch’è vero, ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero
Dimmi ch’è vero