Fedez ed Elodie a favore della Legge Zan e contro la Lega che sta bloccando il DDL

Fedez ed Elodie si sono esposti pubblicamente a favore della Legge Zan contro l’omotransfobia, criticando la Lega per l’ostruzionismo.

La Legge Zan contro l’omotransfobia, dopo l’approvazione alla Camera, è bloccata in Senato. La calendarizzazione del disegno di legge è stata rinviata, ritardandone, quindi, l’approdo a Palazzo Madama per la votazione. Il senatore della Lega, Simone Pillon, tramite social, ha esplicitamente dichiarato che la Lega è contraria alla legge (“Il DDL è fermo al Senato grazie alla posizione ferma della Lega. Confermo”).

Elodie si è scagliata pubblicamente contro quest’evidente ostruzionismo, tramite una serie di Instagram Stories che non sono passate inosservate:

Questa gente non dovrebbe essere in Parlamento, questa gente è omotransfobica. Indegni.

Il senatore Pillon, in un post pubblicato sui social, ha fatto riferimento anche alla reazione della cantante:

Ufficio di presidenza sconvocato. Anche per oggi niente Zan.
Ne parleremo più avanti con la speranza che prevalga il buon senso.
La commissione giustizia sta lavorando febbrilmente per approvare il decreto sul riordino dell’esame di avvocato. Decine di migliaia di giovani attendono di poter svolgere la prova per cominciare una attività professionale.
Penso che queste dovrebbero essere le vere priorità. Le valutazioni sull’incardinamento di leggi ideologiche, inutili e divisive possono aspettare.
Con buona pace di Elodie e di tutta la compagnia cantante…

Anche Fedez, tramite Instagram Stories, si è rivolto al senatore Pillon, parlando di tentativi di disinformazione riguardanti il DDL Zan e rispondendo sul tema delle priorità, l’alibi più utilizzato di sempre quando si tratta di leggi di questo tipo:

Il senatore Pillon ha osteggiato l’approvazione di questa legge, dando tale motivazione: questa legge non va bene perché darebbe il via libera agli uteri in affitto, che è un bel titolo. Il tema è che dentro il DDL ZAN non si parla di uteri in affitto. Ma guarda un po’… Oggi il senatore Pillon ci stupisce con una nuova ed esilarante dichiarazione, il DDL ZAN non è una priorità. Se vogliamo parlare di priorità, parliamo di priorità. Vogliamo parlare di come la Lega sta gestendo il piano vaccinale in Lombardia? Vogliamo parlare di come la Lega non è riuscita a costruire una terapia intensiva, spendendo decine di milioni di euro? Oppure per lei era una priorità quando io e mia moglie abbiamo esortato, nel nostro piccolo, ad indossare le mascherine mentre il vostro leader andava in giro a fare assembramenti e a togliersi la mascherina per i selfie e a dire che Fedez è un personaggio blasfemo che uccide la nostra civiltà e non può fare appelli di questo tipo.

Per Fedez, garantire il diritto di tutti di esprimersi in piena libertà è una priorità:

Le dico una cosa da padre, signor Pillon. Io ho un figlio di 3 anni che gioca con le bambole. E questa cosa non desta alcun tipo di turbamento in me. E non desterebbe turbamento in me, neanche se un giorno dovesse avvertire l’esigenza di truccarsi perché mio figlio ha il diritto di esprimersi come meglio crede. La cosa che mi destabilizzerebbe un po’ è sapere che vive in uno stato che non tutela il suo sacrosanto diritto di esprimersi in piena libertà, cercando di arginare le dinamiche discriminatorie e violente che si verificano in questo paese. Questa per me è una priorità.

I Video di Soundsblog