Et Voilà, Daniele De Martino: testo, video, significato della canzone

Et voilà: testo, video ufficiale, significato, audio della nuova canzone di Daniele De Martino cover di un successo di Gigi Finizio

Porta per titolo ‘Et voilà’, l’ultimo successo per l’estate 2022 targato Daniele De Martino. Il brano, in realtà, è una cover di una canzone di Gigi Finizio di 15 anni fa. Il video ufficiale, in poche ore, è finito in tendenza su Youtube.

Et voilà, Daniele De Martino, significato

L’incontro, ad alto tasso erotico, tra due amanti che faticano a stare distanti.

Et voilà, Daniele De Martino: video

Cliccate sulla foto, in basso, per vedere il video ufficiale della canzone.

Daniele De Martino

Et voilà, Daniele De Martino, testo

Ecco il testo di ‘Et voilà’:

Vieni tu, però, ca’ machina toje
e pur ij veng’ cca’ machina mia
chist’alberg o’ sanno troppe person’
comm’ semp’ saj primm’ ij
e statt’ accort’ cu’ russett’ e a camis’
famm’ spuglià, poi
accuminncc’ che vas’
che me vir’ a cap’ o per’ si tras’
staser’ a guerr na’ vogl’
ind’ a cas.

Hey voilà
è l’ultimo
è il momento dai
i’ sto cca ancora con il papillon
e cu’ ‘na man’ te vuo’ cummuglia’
mannaggia ‘a luce ca nun vuo’ stuta’
si nun fernesco primm’e me spuglia’
te ra’ fastidio che t’aggia guarda’
e io cattivo cerch’e rallenta’
quei movimenti ppe’ me libera’
sembra un ricatto quel vestito
blu che ‘ncuolle a mme
s’astipe chelle ca vuo’

cumme si bell’
allora fatt’ guardà
me vene nata vota a voglia rro’ fà
ngopp’ a sta pell’ me turnass’ a cuccà
cu tutt’e vers’ me piace ro’ ffa
guardamm’ n’facc’ rimm’ a’ verità
ca si te parl, già te facc’ eccità
che stai facenn’, già me tuorn’ a spuglià
e ja, vieni, nun te facc’ aspettà

tu… che fai c’è rabbia dentro i gesti tuoi
non lo sai la mano nei capelli mai

e la tua gamba, dimmi dove sta
tu tien’ a man’ te saje controlla’
me staje ricenne ca m’aggia spuglia’
quasi preganne ca nun vuo’ aspetta’
e i’ cchiù cattiv’
cerc’e rallenta’
quei movimenti pe’ me libera’
sembra un ricatto quel vestito
blu che ‘ncuolle a mme
s’astipe chelle ca vuo’ tu.

e cu’ na’ man te vuò accumiglià
mannaggia a voce che me può stutà
si nun finisc’ prime e me spuglià
te rà fastid’ ccaà t’a già guardà
e i’ cchiù cattiv’
cerc’e rallenta’
quei movimenti pe’ me libera’
sembra un ricatto quel vestito
blu che ‘ncuolle a mme
s’astipe chelle ca vuo’ tu.

E dai, è tardi
devo andare vai.