Enula, Auricolari è l’inedito della cantante di Amici 20 (Testo e Video)

Auricolari è l’inedito che Enula ha presentato durante la ventesima edizione di Amici, il talent show di Maria De Filippi.

Auricolari è l’inedito che Enula, cantante 22enne proveniente da Abbiategrasso, provincia di Milano, ha presentato ad Amici, il talent show in onda sulle reti Mediaset.

Enula è riuscita ad entrare nella scuola di Maria De Filippi, vincendo una sfida, voluta da Rudy Zerbi, contro la cantante Letizia.

Nella sfida tra gli 8 inediti, che si è svolta in diretta durante lo speciale del sabato di Amici andato in onda sabato scorso, Auricolari di Enula è giunto al sesto posto.

Di seguito, trovate il testo di Auricolari. Clicca qui per ascoltare la canzone.

Enula – Auricolari: il testo

E c’ho le stelle sul soffitto
da quando ci sei te
e ti immagino vicino
che più vicino di cosi non c’è.

Sulle note di un pianoforte
sulle sedie di un aeroporto
così vicino così lontano
che non so quando torno, quando parto.

E oggi ha nevicato fiocchi e tu
con la neve dentro agli occhi con la gola che fa male è surreale
per quanto ho riso di me
delle mie fisse coi problemi delle tue con gli schemi
con il tempo i tuoi che ne vanno fieri i lamenti.

Quando ti chiamo e non mi senti
quando mi sbraccio e non mi vedi
che ti dico di metterti un paio di occhiali
e mi rispondi che a te bastano due ali.

Nascondo il mio mondo con due auricolari
ti ho dato il mio mondo ce l’hai fra le mani fra le mani
storie diverse ma sogni uguali.

Che ci portano via
che ci portano via
da noi.

E hai capito il mare che ho dentro nella testa
altroché h2o sembra che c’ho dentro Ade che fa festa
e mi hai strappato da un peccato che sembrava l’eden
che cosa sciocca
la mela l’ho mangiata per ripulirmi la bocca
che non ho sete ma mi lecco ancora le ferite
mentre mi sgretolo come grafite.

Nascondo il mio mondo con due auricolari
ti ho dato il mio mondo ce l’hai fra le mani
storie diverse ma sogni uguali.

Che ci portano via
che ci portano via
da noi.

E ti ho mostrato casa mia
tu che non volevi andare via
e ti ho mostrato cose
senza nascondere la mia follia
ho un’allergia
alle cose fattibili, flessibili
me le devo complicare finché sono impossibili.

Nascondo il mio mondo con due auricolari
Ti ho dato il mio mondo ce l’hai fra le mani
storie diverse ma sogni uguali.

Che ci portano via
che ci portano via
via via
da noi.