Dik Dik, Pepe Salvaderi è morto, fu chitarrista e fondatore della band

Pepe Salvaderi è morto, era chitarrista e fondatore dei Dik Dik: ecco le canzoni più famose del gruppo formatosi a Milano nel 1965

E’ morto Pepe Salvaderi, chitarrista e fondatore dei Dik Dik. E’ attraverso Facebook che il gruppo annuncia la scomparsa e ricorda l’amico:

Ciao Pepe te ne sei andato a suonare con gli angeli e ci hai lasciato qui a piangerti e ricordarti per sempre. Conoscendo la tua innata ironia lo avrai fatto così senza avvertirci affinché suonassimo le tue canzoni, le nostre canzoni ancora più forte, così forte da arrivare fino al cielo e il cielo sarà con te ad ascoltarci. Noi non ti abbiamo perso e non ti perderemo mai perché sei e sarai sempre dentro di noi e ti promettiamo un cosa, l’ultimo lavoro, quello che hai voluto tanto non andrà perduto. Ciao fratello, amico, grande musicista, ciao Pepe ci incontreremo in tutti i nostri sogni

I Dik Dik si sono formati a Milano nel 1965 e il loro primo disco è uscito due anni dopo, nel 1967.

Prima Dreamers, poi Squali, il gruppo ottiene il contratto con la Dischi Ricordi, cambiando poi il nome in Dik Dik. Tra i loro primi immensi successi, ricordiamo ‘Sognando la California‘, versione italiana del brano che stava ottenendo un vero e proprio boom in Usa, California Dreamin’, pezzo inciso dai The Mamas & The Papas.

Tra gli altri brani della loro carriera, impossibile non ricordare e citare L’isola di Wight, Dimenticherai, Vivo per te, Primavera Primavera, Il mondo è con noi, Dimenticare Venezia e Zucchero, presentata con Rita Pavone al Festival di Sanremo 1969.

Erminio Salvaderi – in arte Pepe– è rimasto membro dei Dik Dik dal suo esordio, fino alla fine. E’ scomparso poche ore fa, il 18 dicembre 2020.

Poco fa, sempre via Facebook, Pupo ha condiviso un ricordo del gruppo:

Le indimenticabili canzoni dei Dik Dik, oltre ad avermi accompagnato fin dall’inizio della mia carriera, soltanto 2 anni fa risuonavano nelle strade e nelle piazze del mio piccolo paese, Ponticino, dove il mitico Pepe insieme ai suoi colleghi, si esibì in un concerto che ancora oggi i miei concittadini ricordano con grande piacere. Che la terra ti sia lieve, amico caro.