Clementino, Partenope è il nuovo singolo (Testo e Video)

Il singolo inedito di Clementino, il rapper napoletano reduce dal successo televisivo di The Voice Senior nel quale ha ricoperto il ruolo di coach.

Reduce dal successo televisivo della prima edizione di The Voice Senior, la versione di The Voice of Italy dedicata a concorrenti over 60, alla quale ha preso parte nel ruolo di coach, conquistando il pubblico di Rai 1, il rapper napoletano Clementino saluta il 2020 con un nuovo singolo che è una vera e propria dedica d’amore alla sua città, Napoli.

Il nuovo singolo si intitola Partenope e nel video, diretto da Antonio Gerardo Risi e disponibile dal 28 dicembre 2020, appaiono molte personalità legate al capoluogo campano, come Vincenzo Salemme, il figlio italiano di Diego Armando Maradona, Diego jr., gli attori di Gomorra – La Serie, Marco D’Amore e Cristiana Dell’Anna, l’artista Jorit e il calciatore belga del Napoli, Dries Mertens.

Di seguito, trovate il testo di Partenope. Cliccando qui, potete vedere il video ufficiale.

Clementino – Partenope: il testo

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera.

Stanotte m’affaccio ‘o balcone
Te guardo e si ‘a meglia guagliona
Me diceno ca nun staje bono
Sì, t’hanno tuccato cchiù vote
Te sporcano pe’ n’ata vota
E penzano, chi se ne fotte
E nuje ca simmo figlie tuoje
Currimmo bendate ‘int”o scuro
E ‘a storia ca parla pe’tté
Tu ca si tale e quale a me
So’ nato ‘o stesso juorno tujo
‘A vita saje che è nu mistero
Perdona pe’ chello ca è
Ancora me chiedo ‘o pecché
Stanno me metto a penzà
Ca si l’unica verità.

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera.

Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera.

Damme chello ca m’hanno luvato
Guarda comme c’hanno cumbinato
Vide ca nun simmo maje cagnate
Mare e sole ca s’hanno ‘ncuntrate
‘Sti guagliune sempe scumbinate
Chi p”o male po’ s’è fulminato
Ma ne trove sempe ancora ll’ate
Gente ca s’è ‘nnammurata
Na sinfonia ca scorre dint”e vene
Varie quartiere fino abbascio ‘e Vele
Passanno da periferia c”a famme
E po’ cumbatto comme a nu guerriero
Chi vene ‘a Napule è DNA
Te chiammo fratmo, si tu staje ccà
Ma quale America, ‘e che vuó parlà
Faccio na dedica pe’ ‘sta città.

Chi la conosce e po’ ne parla male
Chi sta luntano, torna e se ne va
Chiagnenno pecché po’ l’ha dda lassà
E chi cumbatte ancora e resta ccà.

Stasera t’aggia parlà
Pecché m”o sento a ‘int
Lettera a ‘sta città
Ca me pare dipinta
Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Partenope stasera.

Nu canto ‘e na sirena
‘Mmiezz’a tante sotto a ‘stu cielo
Ma nisciuna è cchiù bella
‘E Napoli stasera.