Backstreet Boys, Nick Carter accusato di stupro: il cantante nega, la ABC annulla lo speciale tv sulla band

Nick Carter, il cantante dei Backstreet Boys, è stato accusato di violenza sessuale. Lui nega le accuse in un comunicato stampa

Nick Carter, il cantante dei Backstreet Boys, è stato accusato di stupro da una donna di 39 anni con autismo e paralisi cerebrale che afferma che il cantante l’ha violentata, quando era adolescente, sul tour bus del gruppo nel 2001. Shannon “Shay” Ruth ha intentato una causa per violenza sessuale nella Contea di Clark, Nevada, giovedì e ha affermato che Carter le ha dato dell’alcol e l’ha aggredita al termine di un concerto a Tacoma, Washington nel febbraio 2001. Aveva 17 anni al momento della presunta aggressione. Il ciclone mediatico ha portato il cantante a rilasciare un comunicato stampa attraverso il suo avvocato, Michael Holtz, negando ogni tipo di accusa:

“Questa affermazione su una aggressione che si suppone abbia avuto luogo più di 20 anni fa non è solo legalmente priva di fondamento, ma anche del tutto falsa. Purtroppo, ormai da diversi anni, la signora Ruth è stata manipolata per fare false accuse su Nick – e quelle accuse sono cambiate ripetutamente e materialmente nel tempo. 

La donna sostiene, nella sua denuncia, che Carter l’avrebbe scelta da una gruppo di fan alla ricerca di autografi, l’avrebbe invitata sul tour bus offrendole un “succo VIP”, che crede fosse una miscela di succo di mirtillo e alcol.

Dopo la presunta aggressione, Ruth afferma di aver contratto “il papillomavirus umano (comunemente noto come HPV), un’infezione a trasmissione sessuale. Durante una conferenza stampa tenutasi giovedì a Beverly Hills, in California, la Ruth ha raccontato:

“Gli ultimi 21 anni sono stati pieni di dolore, confusione, frustrazione, vergogna e autolesionismo che sono il risultato diretto dello stupro di Nick Carter”

Nel 2017 l’ex cantante pop Melissa Schuman lo aveva accusato di averla violentata 15 anni prima. I pubblici ministeri di Los Angeles, dove la Schuman ha cercato di sporgere denuncia contro Carter, hanno deciso di non proseguire perché il termine di prescrizione è scaduto.

Carter, 38 anni, anche all’epoca negò le accuse in una dichiarazione data alla CNN:

“Melissa non mi ha mai espresso mentre eravamo insieme o in qualsiasi momento da quando tutto ciò che abbiamo fatto non era consensuale. Abbiamo continuato a registrare una canzone e ad esibirci insieme, e sono sempre stata rispettoso e solidale con Melissa sia personalmente che professionalmente”

La ABC, intanto, ha deciso che non trasmetterà più lo speciale televisivo “A Very Backstreet Holiday”, previsto per il 14 dicembre, alla luce della causa emersa.