8 settembre 2021, Doodle di Google dedicato a Tim Bergling: oggi Avicii avrebbe compiuto 32 anni

Avicii celebrato e ricordato dal Doodle di Google: il dj, scomparso nel 2018, oggi avrebbe compiuto 32 anni. Tim Bergling era il suo vero nome

Aprendo il motore di ricerca di Google, oggi, troverete un omaggio a Tim Bergling, conosciuto come Avicii, dj e produttore discografico. Oggi, 8 settembre 2021, avrebbe infatti compiuto 32 anni. Ma ci ha lasciato il 20 aprile 2018, appena 28enne. Il Doodle di Google di oggi è un video animato che celebra e ricorda la vita del giovanissimo artista, accompagnato dalle parole e dalle note di una delle sue hit più celebri, Wake Me Up. In questa breve clip (che puoi recuperare cliccando qui, e te lo consiglio) le frasi che appaiono suonano malinconiche e quasi profetiche, col senno di poi.

Tim Bergling, il vero nome di Avicii

Tim Bergling è il vero nome di Avicii. Di origine svedese, è nato a Stoccolma l’8 settembre 1989 ed è scomparso a Mascate il 20 aprile 2018.

Perché il nome d’arte? Inizialmente aveva scelto Avici ma era già stato utilizzato e così ha optato per due “i” finali. Avici, in sanscrito, significa “senza onde” e rappresenta l’ultimo livello dell’inferno nella filosofia buddhista.

Come è morto Avicii?

Avicii google doodle

La notizia improvvisa della morte di Avicii, nel 2018, creò stupore, fu del tutto inaspettata e, come accade spesso in situazioni del genere, inizialmente apparve quasi avvolta nel mistero, per via delle poche informazioni emerse. A placare i rumors e qualsiasi spiacevole retroscena, fu la famiglia stessa di Tim Bergling (vero nome di Avicii) che rilasciò una dichiarazione nella quale affermava che la morte del giovane musicista, all’età di 28 anni, era il risultato di un suicidio:

“Ha davvero lottato con pensieri sul significato, sulla vita, sulla felicità. Non poteva più andare avanti. Voleva trovare la pace”

Nell’originale svedese, la frase della dichiarazione potrebbe anche essere interpretata nel senso: “Non poteva più sopportarlo. Voleva la pace”.

La famiglia di Bergling ha notato che il musicista “non era fatto per la macchina da business in cui si trovava”.

Quanti anni fa è morto Avicii?

Bergling è stato trovato nel suo hotel nella città di Muscat il 20 aprile 2018. L’Associated Press ha riferito il 22 aprile che due autopsie hanno rivelato “nulla di sospetto”.

Avicii aveva appena 28 anni.

Avicii, da Wake Me Up a Collide, le canzoni più famose

Sono tre gli Lp pubblicati da Avicii nel corso della sua carriera. Il primo risale al 2013, True, e contiene proprio la smash hit “Wake Me Up”. Divenne un successo internazionale nell’estate di quell’anno. Due anni dopo fu la volta di “Stories” che conteneva “Waiting for love” (primo singolo estratto). “Tim” fu il terzo lavoro, uscito postumo nel 2019, dopo la sua morte.

Ma sono numerose le collaborazioni con altri artisti. Ve ne riportiamo alcune delle più celebri, a partire da “Collide” per Leona Lewis, “Levels” con Etta James, “The days” feat. Robbie Williams e “Lonley Together” insieme a Rita Ora.