Assurdo, Anastasio: il ritorno del vincitore di X Factor 2018 (testo canzone)

Anastasio, Assurdo è il nuovo singolo che segna il ritorno sulle scene del vincitore di X Factor 2018: leggi il testo della canzone

Torna, dopo anni di silenzio, Anastasio, il rapper vincitore di X Factor 2018. Da venerdì 14 gennaio 2022 sarà in radio il nuovo singolo, Assurdo:

Un viaggio per immagini, leggero e malinconico, una corsa di 3 minuti tra rap, pop e cantautorato

Assurdo, Significato canzone, di cosa parla

Il rapper e cantautore napoletano torna dopo due anni con una canzone descritta come un manifesto e una fotografia in grado di raccontare chi è il cantante oggi.

“Assurdo” è una corsa di 3 minuti tra rap e pop in cui ANASTASIO condensa passato e presente usando, come sempre, il rap come suo linguaggio espressivo d’elezione. D’altronde Anastasio non ha mai amato parlare di sé, ma ha sempre preferito mettere in musica ciò che pensa e tirarlo fuori attraverso la sua scrittura originale, fatta di immagini e incastri, che rappresenta un unicum della scena italiana.

In “Assurdo”, la chitarra è protagonista e si fa incalzante nei ritornelli e non mancano riferimenti autobiografici (“ho dato per scontato il mare”, “ho messo ad essiccare qualche sentimento”) visti come una finestra sull’approccio alla vita dell’autore.

Il brano si sviluppa su due binari, due mondi storicamente opposti ma fortemente correlati come l’amore e il dolore ma nonostante uno sguardo iniziale più malinconico (“e corro sotto l’acquazzone sempre più veloce finché non ricordo la destinazione”) è sul finale che si rivela il significato del testo (“ma se viene il sole poi per un secondo non sarà così; non mi serve altro che un secondo di sole per pentirmi di tutto per dire al chirurgo”)

Anastasio, Assurdo, Testo canzone

Qui sotto potete leggere il testo della canzone, disponibile in radio e in download digitale dal 14 gennaio 2022.

Io che di colpe ne ho
ho dato per scontato il mare
ho torturato i grilli
e per dimenticare
ho messo ad essiccare qualche sentimento, ma
ma che colpa ne ho?
se mi hanno messo il pane in bocca,
mi hanno detto “cresci”
poi mi hanno insegnato qualche filastrocca
che non basta mai per capire il mondo
ed io mi presentai che avevo scritto un pezzo
il primo verso era “Non sono pronto”
e dal secondo in poi potevo stare zitto
non capivo niente, però quello sempre,
non capivo niente, però questo sì
che non sono pronto ancora a questo mondo
che va ad un ritmo folle come i colibrì e
dentro questo schermo ammazza-tempo
mi annego
mi chiudo
e fuggo

Fuggo da un dolore assurdo
è un dolore assurdo
il dolore assurdo perché esiste

solo per questo il dolore è assurdo
il dolore assurdo
il dolore è assurdo perché esiste

solo per questo

Io, ma che colpa ne ho?
se c’ho la sabbia dentro il cuore
e sono più veloce di quel tuo rancore che ti tiene al mondo
ma che c’entro io?
Io sono un altro da me
e corro sotto l’acquazzone
sempre più veloce
finché non ricordo la destinazione
non capisco niente, però quello sempre
non capisco niente, però questo sì
mi fa schifo tutto,
ma se viene il sole poi per un secondo non sarà così non mi serve altro
che un secondo di sole
per pentirmi di tutto
per dire al chirurgo: “si fermi subito, io
lo voglio ancora il cuore”
non mi serve altro
che un secondo di sole
per rendermi conto che non sono morto e al di là di tutto

Inseguo questo amore assurdo
è un amore assurdo
è un amore assurdo perché esiste

solo per questo è l’amore assurdo
l’amore assurdo
un amore assurdo perché esiste

Inseguo questo amore assurdo
Inseguo questo amore assurdo
Inseguo questo amore assurdo
è assurdo