Aria: la canzone di Lucariello e Raiz che ha aperto la stagione finale di Gomorra – La Serie

Aria è una canzone di Lucariello e Raiz, utilizzata per la prima scena della quinta e ultima stagione di Gomorra – La Serie, in onda su Sky.

Aria è una canzone di Lucariello e Raiz, contenuta nell’album Il Vangelo secondo Lucariello, pubblicato nel 2018, e utilizzata per le prime scene di Gomorra 5, la stagione finale della serie in onda su Sky dal 19 novembre 2021, nata da un’idea di Roberto Saviano.

Per Gomorra – La Serie, Lucariello, insieme a ‘Nto, ha anche realizzato la famosa sigla di chiusura, Nuje Vulimme ’Na Speranza.

Aria: la canzone in Gomorra 5

La stagione finale della serie di Sky si apre con la caccia a Genny Savastano, interpretato da Salvatore Esposito, oramai latitante e nascosto in un bunker sottoterra, protetto da Don Angelo detto ‘O Maestrale, uno dei nuovi personaggi interpretato da Domenico Borrelli.

Nelle prime scene, vediamo le forze dell’ordine catturare una serie di persone che, successivamente, si rivelano solo molto somiglianti a Genny Savastano. Nel frattempo, Genny, in preda agli incubi, si sveglia improvvisamente, per raggiungere un tetto dove può vedere Napoli dall’alto, con le sirene delle polizia, e per prendere un po’ d’aria, quell’aria che dà il titolo alla canzone che si sposa perfettamente con la scena.

Clicca qui per vedere il video realizzato con le scene di Gomorra 5.

Lucariello & Raiz – Aria: testo

Addò ‘o tiempo nun esiste
E ‘a pacienza nun abbasta
Addò e metri so’ chilometri
Ind’ ‘a capa e chi resiste
Ind’ a nu bicchiere ‘o mare
Ind’ all’uocchie tengo ‘o cielo
Stongo ccà.

I’ penzo sulo a dimani
A te ca m’aspietti fore
Viento ‘nfaccia ngoppo ‘o mezzo
‘A pelle abbrucia sotto ‘o sole
Damme n’ora ancora
Me voglio scurdà
Ca ccà se more.

Aria voglio ll’aria
So’ vivo e voglio rispirà chist’
Aria damme ll’aria.

Ora d’aria
Core raro
Viento ‘e mare
300 orari ‘ncoppo ‘o lungomare
Caro e amaro
Siente ‘e spari
Mmiezo ‘e grade
So’ ‘e criature che pazzeano a Carnevale
Si ‘o sciore nuovo che dà culore a ‘stu rione
‘A rosa fore ‘o balcone d’ ‘a signora
‘E vocche rosse d’ ‘e guaglione int’ ‘e quartieri.
Si’ ‘a primmavera
‘a primma femmena overa
‘a primma rima dint’ ‘o stereo
dimmèllo ca sotto ‘o rimmel st’uocchie so’ sinceri
si ‘o cielo blu ca nun trase int’ ‘a galera
si’ a vocca ca me vasa tutt’ ‘e sere.
Quann m’astrigne me faje scurdà
D’ ‘o mmale
Pe’ me’ si’ ‘a primma ll’ate so’ tutt’eguale
Stasera ascimmo te voglio purtà luntano
Si’ ll’oro ca nun se accatta cu’ ‘e denari
Si’ n’ora d’aria.

Aria voglio ll’aria
So’ vivo e voglio rispirà chist’
Aria damme ll’aria.
So’ vivo e voglio rispirà chist’

Aria voglio ll’aria
So’ vivo e voglio rispirà chist’
Aria damme ll’aria.