Alanis Morissette contro il documentario “Jagged”: “Non era la storia che avevo accettato di raccontare”

Alanis Morissette contro il documentario “Jagged”, la cantante prende le distanze e racconta: “Non era la storia che avevo accettato di raccontare.”

Alanis Morissette ha preso le distanze dal documentario “Jagged”. La cantante non ha partecipato all’anteprima della pellicola al Toronto Film Festival, spiegando poi il motivo della sua assenza.

“Ho accettato di partecipare a un pezzo sulla celebrazione del 25° anniversario di Jagged Little Pill e sono stata intervistata durante un periodo molto vulnerabile (mentre ero nel bel mezzo della mia terza depressione postpartum durante il lockdown). Sono stata cullata in un falso senso di sicurezza e il loro programma salace è diventato evidente subito dopo aver visto il primo montaggio del film. Questo è quando ho saputo che le nostre visioni erano in realtà dolorosamente divergenti. Questa non era la storia che avevo accettato di raccontare. Mi siedo qui ora sperimentando il pieno impatto di aver creduto a qualcuno che non meritava di avere fiducia. Ho scelto di non partecipare a nessun evento intorno a questo film per due motivi: uno è che sono in tournée proprio ora. l’altro è che, non diversamente da molte “storie” e biografie non autorizzate là fuori nel corso degli anni, questa include implicazioni e fatti che semplicemente non sono veri. Anche se c’è bellezza e alcuni elementi di accuratezza in questa / mia storia, alla fine non sosterrò l’interpretazione riduttiva di qualcun altro su una storia troppo sfumata per essere mai afferrata o raccontata”

HBO non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di Deadline sulle osservazioni di Alanis Morissette.

Prima dell’anteprima del documentario su Alanis Morissette, la regista Alison Klayman  dichiarò:

“È davvero una cosa difficile vedere un film fatto su di te e penso che sia incredibilmente coraggiosa e la sua reazione quando lo ha visto è stata colei che era davvero – poteva sentire tutto il lavoro, tutte le sfumature che c’erano dentro”

Tra gli aspetti del documentario, Alanis Morissette aveva raccontato davanti alla telecamera di essere stata vittima di abusi da cinque uomini diversi quando aveva 15 anni, come riportato per la prima volta dal Washington Post la scorsa settimana.