Mario Luzzatto Fegiz: "Se una cantante come Alessandra Amoroso non conosce la storia della musica è una tragedia"

Non ha mai nascosto il proprio odio viscerale verso i talent (salvo qualche sporadica apparizione tv tra la giuria di giornalisti ad Amici) tanto da scriverci un libro e mettere in piedi uno spettacolo teatrale: Mario Luzzatto Fegiz ha spiegato a Vero i motivi di tanta ostilità verso programmi che esaltano il talento di giovani ragazzi in televisione:

Il primo è un motivo di 'bottega': sono un uomo di potere a cui è stato sottratto il giudizio critico. Il secondo è che questi talent show sono in continuo divenire, quindi non sono prodotti collaudati. Il terzo è che sono una fabbrica di sogni e disoccupati in un mercato incapace di assorbire questa immensa quantità di proposte. I talent show creano situazioni paragonabili ad una portaerei che naviga nel Lago Maggiore.

Il critico musicale del Corriere della Sera ce l'ha anche con i giudici:

Sono dei ciarlatani. Da una parte devono giudicare, dall'altra devono fare spettacolo, quando invece la selezione è una cosa seria. Trovo paradossale e persino crudele trasformare in uno spettacolo un momento emotivamente così forte e delicato come la selezione. Non sto dicendo che i giudici che stanno lì dietro al bancone non siano personaggi qualificati: Mara Maionchi, per esempio, ha scoperto tanti talenti. Però, poi, quando vanno a fare i giudici gente come Anna Tatangelo o Arisa, anche il programma perde credibilità.

Di fronte ad un multisfaccettato mercato musicale, c'è qualcuno che, secondo il giornalista, ha cambiato profondamente la concezione dell'artista:

La più grande novità degli ultimi anni sono i Negramaro ma soprattutto Tiziano Ferro: ha una scrittura e una timbrica senza precedenti.

Meno tenero, invece, nei giudizi sugli ex concorrenti di talent:

Anche se ho un bel rapporto con Emma Marrone, indubbiamente ammetto di essere un po' cattivo con loro in generale. Pero', quando mi trovo ad intervistare Alessandra Amoroso, che non sa nemmeno chi è David Bowie, allora capisco che per una ragazza che vuole fare la cantante ma non conosce la storia della musica non è una dramma... ma una tragedia!

Non avrà mica tutti i torti?!

Foto | via Twitter

  • shares
  • Mail