Vince il biglietto per il concerto dei One Direction: minacciata di morte su Twitter

One-direction-kiss-you-video

Flora è una ragazza di 17 anni che ha partecipato ad un concorso per vincere un biglietto per il concerto dei One Direction, tenutosi a New York lo scorso dicembre. Un evento a cui tantissime fan si sono iscritte, a cui sognavano di poter partecipare. Ma non c'era posto e spazio per tutti. La vincitrice era una sola. E ce l'ha fatta lei, Flora.

Oggi, a qualche settimana di distanza, su Twitter ci sono due trend twitter particolari: #StayStrongFlora e #istoconFlora. Il motivo? La ragazzina è minacciata proprio per questa sua fortuna. Dopo una sua foto pubblicata, sono iniziate le invidie e le offese dagli altri utenti di Twitter, gelose di non essere stata presente al posto suo. Ed ecco gli insulti: “Devi morire” o "Lavati con la benzina e asciugati con l’accendino”. Lei stessa ammette di essere preoccupata anche perché osservata e inseguita nel quotidiano in un'intervista su Repubblica:

"Hanno detto che mio padre era ricchissimo, che era padrone della Kinder, che la lotteria era truccata, che avevo avuto una raccomandazione. Non è vero niente. Qualcuno mi ha scritto che siccome non ho pianto e non gli sono saltata addosso quando li ho incontrati a New York non ero una vera fan, che non meritavo quel premio”

E poi il non sentirsi sicura anche quando cammina per strada:

“In autobus un sacco di bambine mi fissano. L’altra sera passeggiavo per il centro e ho sentito una ragazza urlare “è Flora quella”. Sta diventando una situazione molto pesante. Adesso paura ad andare ai concerti, mi minacciano e sono migliaia. Però so che sono solo ragazzine. Persone che non mi conoscono. È tutta invidia e rabbia"

Una situazione assurda che ha portato alla nascita anche di Trend Twitter seguiti sul social network, nonostante siano in molti a chiedersi il motivo di queste parole. E c'è chi osserva come "Stay Strong" debba essere indirizzato verso qualcuno che ha problemi di salute o gravi nella vita. Perché questa storia rasenta davvero l'assurdo. Se anni fa chi vinceva un concorso simile poteva essere visto come invidia e borbottare in silenzio, oggi questi pensieri si trasformano in minaccia e insulti aperti e pubblici. Violenza verbale, parole velenose. Tutto questo per una boyband. E un concerto.

  • shares
  • Mail