Puddle of Mudd: arriva il nuovo album, ascolta “Spaceship”

Destino simile a quello di tante altre band quello dei Puddle Of Mudd: dopo aver raggiunto il grande successo non sono più riusciti a rimanere sulla cresta dell’onda, complice anche una proposta musicale fin troppo ripetitiva e obsoleta. Nel 2001, dopo alcune uscite indipendenti, uscì “Come Clean”. La ricetta era un post-grunge, debitore verso i

Destino simile a quello di tante altre band quello dei Puddle Of Mudd: dopo aver raggiunto il grande successo non sono più riusciti a rimanere sulla cresta dell’onda, complice anche una proposta musicale fin troppo ripetitiva e obsoleta.

Nel 2001, dopo alcune uscite indipendenti, uscì “Come Clean”. La ricetta era un post-grunge, debitore verso i Nirvana, opportunamente annacquato appositamente per un periodo in cui la musica “dura ma iper-commerciale” (leggasi Nu Metal) dominava le classifiche (soprattutto quelle USA). “Come Clean” era prima di tutto una macchina da singoli: “Blurry“, “Control” e “Drift & Die” erano tutto sommato bei pezzi, ma “She Hates Me” era di una banalità agghiacciante. Il successivo “Life on Display” fu un flop molto pesante mentre con “Famous” (2007) sono semplicemente rimasti a galla senza sprofondare del tutto.

Il gruppo di Wes Scantlin però non demorde ed è pronto per tornare sul mercato con un nuovo album intitolato “Volume 4: Songs in the Key of Love & Hate” che dovrebbe uscire l’8 Dicembre. Il singolo di lancio (che potete ascoltare dopo il salto) è “Spaceship”. Il marchio di fabbrica è sempre quello. Vi piace?

VIDEO UFFICIALE

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →