I Living Colour tornano con “The Chair in the Doorway”

Partiamo subito riassumendo quelle che sono le uscite discografiche previste per la seconda metà di Settembre: Muse, Beastie Boys, Megadeth, Porcupine Tree, Brand New, Pearl Jam, Alice in Chains e Editors… bastano? Evidentemente no! Infatti alla lista bisogna aggiungere un altro gruppo a suo modo storico: i Living Colour. I Living Colour, assieme a gruppi


Partiamo subito riassumendo quelle che sono le uscite discografiche previste per la seconda metà di Settembre: Muse, Beastie Boys, Megadeth, Porcupine Tree, Brand New, Pearl Jam, Alice in Chains e Editors… bastano? Evidentemente no! Infatti alla lista bisogna aggiungere un altro gruppo a suo modo storico: i Living Colour.

I Living Colour, assieme a gruppi come Fishbone, Red Hot Chili Peppers e Faith No More, nella seconda metà degli anni ’80 aiutarono a plasmare il “funk metal”, il genere di riferimento di buona parte dei successivi gruppi crossover rap-rock. Il loro capolavoro rimane il loro debutto, “Vivid” del 1988, mentre il loro ultimo album, “Collideøscope”, risale al lontano 2003.

Il gruppo rock di colore più importante di sempre assieme a Bad Brains e appunto i Fishbone (sempre se non consideriamo “rock” i Funkadelic di George Clinton), tornerà il 15 Settembre con “The Chair in the Doorway” che uscirà per la Megaforce Records, storica etichetta metal anni ’80 (i primi due dei Metallica, Anthrax, Testament ma anche i Bad Brains appena citati). Dopo il salto trovate la tracklist di “The Chair in the Doorway”, alcuni dei loro pezzi più famosi e una versione live di “DecaDance”, uno dei brani del nuovo album.

Tracklist

1. Burned Bridges
2. The Chair
3. DecaDance
4. Young Man
5. Method
6. Behind The Sun
7. Bless Those
8. Hard Times
9. Taught Me
10. Out Of Mind

Cult Of Personality

Glamour Boys

Leave It Alone

Sunshine of Your Love (cover dei Cream)

DecaDance (Live)

I Video di Blogo

Luciano Ligabue, concerto a porte chiuse in omaggio di START

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →