I 50 dischi preferiti di Kurt Cobain e l’ebook con le foto della prima volta dei Nirvana in Italia

“Experiencing Nirvana: Grunge in Europe, 1989” è l’ebook con le foto del primo tour europeo dei Nirvana. In un foglio, i 50 dischi preferiti di Kurt Cobain.


Difficile imbattersi in un appassionato di musica che non provi prima o poi a stilare una classifica dei suoi album ‘della vita’: anche tra i musicisti il gioco ricorre spesso e – in tempi pre-internet – c’è chi scriveva l’elenco a mano. Quello che vedete nell’immagine a inizio post è un foglio su cui ci sono i 50 dischi preferiti di Kurt Cobain scritti da lui stesso (cliccate per vederla intera). C’è una cancellatura e il ‘titolo’ è “By Nirvana”, ma è ovvio immaginare che il suo apporto sia stato fondamentale (se non unico).

Ci sono i Clash di “Combact Rock”, i Bad Brains di “Rock For Light”, c’è – già – “The Man Who Sold The World” di David Bowie, ma anche “Dry” di PJ Harvey e “Meet the Beatles” dei Fab Four. Una lista che spiega molto bene da quali influenze nacque lo stile della band. Non è l’unica immagine d’epoca che sta girando oggi in rete. C’è un’altra novità interessante e non solo per i fan. Leggete dopo il salto…

I 50 dischi preferiti di Kurt Cobain e l'ebook con le foto della prima volta dei Nirvana in Italia

Intanto è uscito “Experiencing Nirvana: Grunge in Europe, 1989“, l’ebook realizzato da Bruce Pavitt (il co-fondatore della Sub Pop) che racconta attraverso immagini inedite il primo tour europeo dei Nirvana di supporto ai Mudhoney insieme ai Tad.

Il libro è la cronaca degli otto giorni successivi all’arrivo della band a Roma per un live al Piper Club il 27 novembre di quell’anno (c’era stato un altro concerto in Italia il giorno prima, al Bloom di Mezzago): nella copertina che vedete qui a inizio paragrafo – cliccate per ingrandire – Cobain è ritratto proprio sulle gradinate del Colosseo. “Experiencing Nirvana” è in vendita a questo indirizzo al prezzo di 9.99 dollari. Parte dei ricavi saranno devoluti al Vera Project di Seattle.

I Video di Soundsblog