I Tesori Nascosti: Ulver - Bergtatt - Ind i Fjeldkamrene e The Future Sound Of Music

tsulver

Concludiamo il nostro viaggio nei freddi boschi scandinavi chiudendo la triade "metallica" abbandonando la Svezia e spostandoci in Norvegia, in compagnia degli Ulver.

Gli Ulver sono una delle band con la discografia più caleidoscopica e multiforme di sempre. I lupi (Ulver in norvegese) hanno iniziato la loro carriera con "Bergtatt - Et Eeventyr i 5 Capitler" del 1994, album fondamentale per tutto il black metal più d'atmosfera e per il folk metal. L'anno successivo uscirono con "Kveldssanger", decisamente spostato verso il (neo)folk.

Poi nel 2000 la svolta. Via le chitarre e il growl, dentro l'elettronica e la musica ambient: Il risultato fu "Perdition City", ancora volta un capolavoro. Da allora hanno continuato a rimanere sulle sonorità di "Perdition City" (seppur con le dovute variazioni), fino all'ultimo e ottimo "Shadows of the Sun" del 2007. Noi ci andiamo a sentire "Bergtatt - Ind i Fjeldkamrene" tratta dal primo album. Per chi volesse ammirare il cambio stilistico subito dopo trovate anche "The Future Sound Of Music" tratta da "Perdition City".

  • shares
  • Mail