Featured Artists Coalition, 140 artisti si schierano: “scaricare musica non è un crimine”

Peter Gabriel, Robbie Williams, Annie Lennox, David Gilmour, Iron Maiden, Radiohead, Verve e tanti, tanti altri big della musica si sono riuniti e hanno aderito alla Featured Artists Coalition, un’associazione in qualche modo rivoluzionaria.La loro richiesta è che gli artisti vengano protetti, soprattutto gli esordienti e i più giovani, senza però perseguitare i ragazzi che

di dodo


Peter Gabriel, Robbie Williams, Annie Lennox, David Gilmour, Iron Maiden, Radiohead, Verve e tanti, tanti altri big della musica si sono riuniti e hanno aderito alla Featured Artists Coalition, un’associazione in qualche modo rivoluzionaria.

La loro richiesta è che gli artisti vengano protetti, soprattutto gli esordienti e i più giovani, senza però perseguitare i ragazzi che scaricano la musica dal web.

Le strade devono essere altre (e di esempi ce ne sono parecchi), non certo il trattare come criminali i loro fan. Allo stesso modo è giusto che la musica circoli su mezzi come Youtube. Quando però portali come Myspace o lo stesso Youtube utilizzano le loro opere a scopi pubblicitari allora dovrebbero remunerare gli artisti.

Insomma: case discografiche, lobby e governi accondiscendenti (vedi le recenti proposte di legge che puntano a perseguitare i downloader) stanno sbagliando strada: “scaricare musica non è un crimine”.

Questo è quanto sostengono oggi gli artisti, almeno un lunghissimo elenco di musicisti che si arricchisce ogni giorno: le adesioni aumentano a vista d’occhio. La questione è aperta e sarà interessante vedere cosa accadrà nei prossimi anni.

Via | Corriere della Sera