• Pop

Lily Allen prima in Inghilterra e Australia

Molti di voi hanno apprezzato il cambiamento sonoro intrapreso da Lily Allen con il nuovo album “It’s Not Me, It’s You“, trainato dal singolo Fear.Molti degli artisti fanno fatica a ripetere il successo del primo album ma Lily Allen sembra poter superare questo ostacolo più che dignitosamente, almeno stando alla prima settimana. “It’s Not Me,

Molti di voi hanno apprezzato il cambiamento sonoro intrapreso da Lily Allen con il nuovo album “It’s Not Me, It’s You“, trainato dal singolo Fear.

Molti degli artisti fanno fatica a ripetere il successo del primo album ma Lily Allen sembra poter superare questo ostacolo più che dignitosamente, almeno stando alla prima settimana. “It’s Not Me, It’s You” infatti, ha debuttato alla posizione numero 1 in Australia e in Inghilterra dove in sette giorni ha venduto ben 112.000 copie, 50 mila in più rispetto alla prima settimana del precedente “Alright, Still” che, quatto quatto, si sta avvicinando al milione di copie in patria (dati MusicWeek).

Ovviamente in Australia la posizione in classifica può essere condizionata dalle basse vendite generali e da una classifica stagnante da tempo, ma in Inghilterra sarebbe comunque andata in testa con quel numero di copie vendute. In USA è proiettata da HitsDailyDouble verso le 65/70.000 copie che le varrebbero una terza posizione dietro a Taylor Swift e all’album di Robert Plant e Alison Krause che rischia di tornare in testa grazie al Grammy.

In Italia? In Italia niente: questa settimana l’album non è entrato neanche nella top 100 (e bastano veramente poche copie). Forse la vedremo in quella della prossima settimana, ma se così non fosse sarebbe l’ennesimo caso di artista che va forte un po’ ovunque ma che in Italia non riesce ad “arrivare” (vedi Snow Patrol, The Fray, Kings Of Leon o anche Pink se vogliamo).