UK: Duffy domina le vendite 2008. Sul podio Take That e Kings Of Leon


I presupposti c’erano tutti, diciamocelo. La notizia non giunge a sorpresa. Nel corso di questi mesi vi ho regolarmente informati sulle vendite record del disco d’esordio della gallese Duffy. E’ risultato primo nel semestre gennaio-giugno, ha sfondato per primo il tetto del milione di copie (era luglio), ora la consacrazione diventa totale: “Rockferry” è stato l'album più acquistato nel Regno Unito nel 2008. Tanto di cappello!

I dati sono stati rilasciati dalla Official Charts Company e tutti i media specializzati li stanno riportando con enfasi. Perché se è vero che la cosa non suona come una novità, è altrettanto vero che il traguardo è ugualmente straordinario. Duffy era al debutto, col primo album si è messa alle spalle artisti più quotati di lei. Tutto ciò in un mercato, quello britannico, che in Europa per varietà di proposte, prestigio ed appeal non ha rivali e nel mondo si inchina (forse) soltanto a quello statunitense.

1.685.000 copie, tanto è riuscita a vendere. Numeri da capogiro che la pongono al vertice della Top-5 dei milionari. Anche gli altri quattro infatti hanno raggiunto o superato quella fatidica soglia, andiamoli a vedere insieme.

Sulla piazza d’onore ci sono i Take That, che hanno venduto 1.446.000 copie. Risultato altrettanto clamoroso, perché “The Circus” è stato rilasciato soltanto a dicembre, tutti questi dischi gli ex-compagni di Robbie Williams li hanno venduti in appena un mese! Chissà se fossero usciti prima cosa sarebbe accaduto…

Terzi si sono piazzati i Kings Of Leon, a “Only by the Night” va dunque la medaglia di bronzo. Quarta Leona Lewis con “Spirit”, quinti i Coldplay con “Viva la Vida or Death and all his Friends”.

Vi riporto anche le posizioni dalla 6 alla 10:

6) Rihanna - "Good Girl Gone Bad"
7) The Killers - "Day & Age"
8) Girls Aloud - "Out of Control"
9) Pink - "Funhouse"
10) Scouting For Girls - "Scouting For Girls"

Avete notato quanto sono patriottici questi britannici? Quattro artisti locali nei primi cinque posti della classifica, un dato che fa capire quanto siano bravi a spingere in alto i propri “prodotti”, che infatti molto spesso sconfinano e invadono mercati stranieri compreso il nostro.

Dopo i tanti numeri positivi, vi lascio con uno di segno opposto: sempre secondo la OCC, nel 2008 si sono venduti meno dischi. Il mercato inglese nel corso dell'anno è sceso approssimativamente del 5%.

Via | BBC + BillBoard

  • shares
  • Mail