• News

Crepe: il nuovo singolo di Irama (Testo e Audio)

Il testo e il video della title-track dell’ultimo EP di Irama.

A partire dal 28 agosto 2020, è disponibile il nuovo EP di Irama, dal titolo Crepe, contenente 7 canzoni inedite.

Tra queste, troviamo Mediterranea, il tormentone estivo del cantautore lanciato da Amici, il talent show di Maria De Filippi, che, nel corso di quest’estate, ha conquistato la vetta della classifica dei singoli più venduti in Italia e la certificazione di doppio Disco di Platino dalla Fimi.

Il singolo di lancio di Crepe, secondo EP di Irama dopo Plume, pubblicato nel 2018 dopo la sua partecipazione ad Amici, invece, è la title-track, già in tendenze su YouTube e ai primi posti su iTunes.

Di seguito, trovate il testo di Crepe; cliccando sulla foto in alto, potete ascoltare la canzone.

Irama – Crepe: il testo

Di me che ti è rimasto
Credo soltanto il non fidarti di un bugiardo
Di me, di me, ti sto chiamando
Ma non rispondi perché lui ce l’hai di fianco.

E non ci credo che farai a meno di me
Un pugno crea le crepe contro la parete
E non lo vedi che in lui non vedi me
Digli che tu eri mia, mia
Digli che tu eri mia, mia
Ed ora te ne vai con uno che un po’ mi assomiglia
Stanotte cerchi uno che un po’ mi assomiglia
Ma non è me
Ed il tuo odore non se ne va
Non te ne andare siamo a metà
Che se ti scopri non finirà
Ma se lo scopre poi finirà.

Nella testa pensieri strani
se mi tocchi con quelle mani
Poi mi dici che non lo ami
con il c*lo sul suo Ferrari
Perché non mi stai guardando
Tanto nessuno a parte noi lo capirà.

E non ci credo che farai a meno di me
Un pugno crea le crepe contro la parete
E non lo vedi che in lui non vedi me
Digli che tu eri mia, mia
Digli che tu eri mia.

Aspetti il sole sola con le luci spente
Quel fondotinta che non copre le tue scelte
Ma eravamo sempre, noi eravamo sempre legati come la strada ad un delinquente
Come te lo spiego
Giuro me ne frego
Lo so che tuo padre preferisce quello scemo
Dice sarò sempre un delinquente coi segni sulla pelle.

E non ci credo che farai a meno di me
Un pugno crea le crepe contro la parete
E non lo vedi che in lui non vedi me
Digli che tu eri mia, mia
Digli che tu eri mia, mia.
Ed ora te ne vai con uno che un po’ mi assomiglia
Stanotte cerchi uno che un po’ mi assomiglia
Ma non è me
Hai lasciato le crepe in me contro la parete.