Rolling Stones, Ronnie Wood furioso per la situazione legata al Covid, il rinvio del nuovo album e il tour rimandato

Rolling Stones, album in ritardo e tour rimandato: Ronnie Wood furioso

Programmi saltati e slittati anche per i Rolling Stones, a causa della pandemia legata al Coronavirus. La band è stata costretta a posticipare il suo tour “No Filter” a marzo 2021 e ridimensionare il lavoro sul nuovo album, riuscendo a completare solo un singolo, Living in a Ghost Town.

Ronnie Wood ha ammesso di essere infuriato per quanto sta accadendo e per il fallimento dei governi nel prendere il controllo, come dichiarato al quotidiano britannico The Times. E, soprattutto, non capisce perché la musica dal vivo sia stata duramente colpita dalle normative.

“Questo Covid non è uno scherzo. Mi fa davvero incazzare. Nessuno sembra saperlo, nessuno sembra esserne a capo, tutti sembrano persi. Potevi andare in un ristorante ed era pieno e tuttavia non ti era permesso andare a un concerto. Di cosa si tratta? Ho perso la fiducia nel non avere alcuna direzione da parte di persone che dovrebbero sapere. Quindi sì, sono impaziente di andare avanti “.

Discutendo di come la pandemia abbia ritardato l’album, aggiunge:

“È semplicemente in primo piano, c’eravamo quasi, quando poi è avvenuto il blocco”

Ha poi ammesso come al gruppo manchi stare insieme in studio e in tour perché non si vedono molto, senza motivi lavorativi.

Siamo una band in tour. E ci manca. Ci manca stare insieme come band. Ma in questo momento, finché non possiamo rimetterci in moto, restiamo in contatto e restiamo lì a fare le nostre cose. Non cerchiamo di approfittare troppo della magia che accade. Non ci vediamo mai molto tra un tour e l’altro. Non ci saturiamo – probabilmente è per questo che andiamo d’accordo

I Video di Blogo

Alessandro Cattelan, Ce la faremo

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →