Jack Sherman è morto: è stato il chitarrista dei Red Hot Chili Peppers nell’album di debutto e nel primo tour

E’ morto Jack Sherman, ex chitarrista dei Red Hot Chili Peppers: la dichiarazione della band

Jack Sherman è morto. Il chitarrista aveva 64 anni e ha collaborato con i Red Hot Chili Peppers nel loro disco d’esordio e nel primo tour della band. A darne l’annuncio, via social, l’account ufficiale del gruppo:

“Noi della famiglia RHCP vorremmo augurare a Jack Sherman una navigazione tranquilla nei mondi dell’aldilà, perché è morto. Jack ha suonato nel nostro album di debutto e nel nostro primo tour negli Stati Uniti. Era un ragazzo unico e lo ringraziamo per tutti i momenti buoni, cattivi e intermedi. Pace sulla piattaforma del boogie. “

Il ruolo di Sherman nella band non è durato molto: ha sostituito il chitarrista Hillel Slovak in tempo per suonare al loro debutto nel 1983 e ha co-scritto gran parte del seguito, “Freaky Styley”, pubblicato nel 1985. Tuttavia, quando uscì l’album, Sherman era fuori dal gruppo e Slovak era di nuovo dentro al gruppo. Sherman è stato comunque arruolato in ruoli minori in altri due album di Chili Peppers, “Mother’s Milk” e “The Abbey Road EP”.

Non fu incluso nella Rock & Roll Hall of Fame quando il gruppo fu insignito otto anni fa. Non era contento di essere stato escluso e incolpava la band per aver influenzato la decisione di lasciare fuori lui e Dave Navarro. “Sono stato disonorato e schifato”, ha detto a Billboard nel 2012.

Ancora ignote le causa della sua morte.

Via | Variety