Paola Turci e l’incidente del 15 agosto 1993: “Buon Ferragosto a tutti nel giorno del mio secondo compleanno”

Paola Turci, il ricordo dell’incidente drammatico del 15 agosto 1993: “il mio secondo compleanno”

Buon Ferragosto a tutti nel giorno del mio secondo compleanno

Queste le parole di Paola Turci, pubblicate poco fa su Twitter, a ricordare e festeggiare questo giorno, simbolo del suo “secondo compleanno”. Il motivo di questo tweet risale al 15 agosto 1993, giorno in cui la cantautrice fu vittima di un grave incidente stradale.

27 anni fa, come lei stessa ricorda sempre attraverso i social. Un giorno che davvero ha il senso e il sapore di una seconda vita, per la talentuosa artista.

Lei stessa ricordò quanto accaduto in occasione di una sua ospitata a Domenica Live, da Barbara d’Urso:

Stavo andando dalla Sicilia alla Campania perché dovevo fare un concerto, guidavo io. L’unica volta in trent’anni di carriera che ho guidato la macchina andando a un concerto. Il tour manager era molto stanco, quindi mi sono messa al volante. Non ero molto inquadrata, allora. Ero in un momento molto infelice della mia vita, ma mi sentivo onnipotente, invincibile. A un certo punto ho guardato il telefono cellulare, avevo chiamato tutti quel giorno. Ma il telefono si spegneva spesso, quindi ho guardato la presa, che era staccata, ho provato a rimetterla, e invece che guardare la strada mi sono distratta. Il mio tour manager ha urlato: ‘Attenta!’. Ho visto il guardrail che stavo per sfiorare, ho sterzato immediatamente, a destra ho visto un fosso ma non c’era il guardrail. Non dovevo finire nel fosso quindi ho pensato: vado a sinistra (non andavo veloce, ero a 120) e faccio sbattere la macchina al guardrail, si fermerà. Invece la macchina non si è fermata. Nell’impatto ho chiuso gli occhi e lì è successo tutto, la macchina si è accartocciata, e poi ha cappottato. Non ho più aperto gli occhi, sono rimasta dentro la macchina e ho capito immediatamente cos’era successo”.

Un momento terribile ancora vivo nella mente della cantante:

Sentire la faccia aperta e il sangue è stata una sensazione surreale, inimmaginabile. Poi mi hanno tirata fuori. Lì c’era il delirio, tutte le cartoline con il mio nome e cognome, che erano in auto, si sono sparse sulla strada. Era il 15 agosto, passava poca gente, ma ha cominciato a fermarsi. Io non vedevo nulla ma sentivo le urla delle persone: Paola Turci, Paola Turci

Dopo il ricoverso in ospedale e numerosi interventi, Paola ha ripreso in mano la sua vita e oggi, a distanza di 27 anni, in questo Ferragosto così lontano da quel giorno, ecco il ricordo comprensibile del suo “secondo compleanno”, della sua rinascita.

Dunque, tanti auguri per il suo secondo compleanno, Paola!