Mon Amour, Giulia feat. Samuel Storm: ascolta il nuovo singolo (video)

Giulia feat. Samuel Storm, Mon amour: video e audio del nuovo singolo

E' uscito in tutti gli Store, sulle piattaforme digitali e in radio "Mon Amour", il nuovo singolo di Giulia feat Samuel Storm, produzione artistica Roberto Cardelli, scritto da Roberto Cardelli, Giulia Luzi, Piero Romitelli e Samuel Storm, produzione esecutiva Pasquale Mammaro per l’etichetta Starpoint Corporation distribuzione Believe.

Mon Amour, inizialmente scritto in italiano e francese da Giulia Luzi, Piero Romitelli e Roberto Cardelli, si è arricchito della scrittura e interpretazione in inglese con il featuring di Samuel Storm (già concorrente di XFactor 11, edizione 2017, nella squadra di Fedez) e oggi è l’unico brano ad essere scritto in tre lingue.

Lei, conosciuta dal panorama musicale e cinematografico come Giulia Luzi, che ricordiamo sul palco del Festival di Sanremo Edizione 2017 nella categoria Big con Raige, oggi coniuga la propria voce limpida con quella calda di Samuel Storm.

Ecco le sue parole nel parlare del pezzo:

“Per Mon Amour, Samuel mi è subito sembrato perfetto, con la sua voce piena e corposa che si sposa perfettamente con la mia. Al di là delle indiscutibili doti artistiche, Samuel è una bella persona, pulita e ricca dentro che ha dato al brano un forte valore aggiunto”.

Samuel Storm, a sua volta, racconta:

“Mi è piaciuta subito la voce di GIULIA e il primo ascolto del brano mi ha ispirato a scrivere di getto. Un incontro vero tra me e lei, apparentemente così lontani, in realtà così vicini”.

In apertura post il video ufficiale del pezzo, girato nella splendida cornice siciliana, su un caicco in mezzo al mare per traghettarci nella cornice barocca dello splendido Teatro Massimo Bellini di Catania. Al centro, come protagonista, una coreografia di ballo eseguita da grandi artisti come Klaudia Pepa, già ballerina di Amici, affiancata dai famosi ballerini di reggaeton, i Meneo Kings e un corpo di ballo formato da dieci ballerini professionisti sulla coreografia di Luca Barbagallo.

  • shares
  • Mail