Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano ad "Adrian" (foto delle prove)

Marco Mengoni ospite di Adriano Celentano

Ecco le immagini delle prove di Marco Mengoni con Adriano Celentano a “Adrian live: questa è la storia..”, l’iconico show del Molleggiato su Canale 5. L’artista, chiamato a dividere il palco con la leggenda della musica italiana famosa in tutto il mondo, con cui ha già collaborato nel brano "La Casa Azul" con un prezioso cammeo, sarà il super ospite dell’ultima puntata del programma e canterà con lui in un’emozionante performance live. Mengoni partirà stasera alla volta dell’Europa con ATLANTICO TOUR, l’incredibile viaggio live che ha attraversato l’Italia a colpi di sold out e che si concluderà a Londra il 18 dicembre.

Con un breve video e un post su Facebook, Marco Mengoni ha annunciato la sua ospitata nella puntata di giovedì 5 dicembre, nel programma "Adrian" di Adriano Celentano.

Per svelare la sua presenza, il cantante ha condiviso un breve video con l'audio della sua canzone "La casa Azul", presente nel disco "Atlantico", interpretata in duetto insieme ad Adriano Celentano.

Qui sopra potete recuperare il video annuncio con il breve estratto dell'audio.

Marco Mengoni, La casa azul, Testo

Il mondo sta sulla punta delle mie dita
Chiuso fra un letto, uno specchio, una gioia labile
Cosa hai dipinto para mí chiquita
Ho mescolato in silenzio colori e lacrime
Ed è un disegno che si confonde già
L'ombra di un segno che mi nasconde ma
Sento la notte che bacia i miei piedi
Anche se non la vedi
Sapessi il rumore che fa
Amare, odiare, lottare viva la vida
Là fuori il Messico urlava bestemmie e favole
Dentro la polvere il sangue della corrida
Il torre scuote la spada dalle sue scapole
Rosa dell'anima chiusa in un'armatura
Com'è che il sole sorride per la paura?
Può la bellezza trascinarci via se l'arte è una bugia
Che dice la verità?
Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa d'essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insieme
E la mia schiena bruciare la casa azzurra
La carne, il sangue, le vene della mia guerra
E disertare il cammino chiuso nella mia mano
Tentare un altro destino che vada più lontano
E ad ogni tela un'impronta delle mie dita
Nella mia bocca parole che non si dicono
Lungo la schiena il sudore della salita
L'avresti detto un destino così ridicolo
Come una stella che brilla spenta già
Quanta bellezza che arriva e passerà
Sento la notte che tocca i miei piedi anche se non la vedi
Se taci la senti, shh
Ecco il rumore che fa
Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa che d'essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insieme
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte
Ho disegnato un amore che sembra vero
Una pozzanghera illusa che d'essere cielo
Ed una lacrima fine che non si può vedere
Una collana di spine la strada fatta insieme
E la mia schiena bruciare la casa azzurra
La carne il sangue le vene della mia guerra
E disertare il cammino chiuso nella mia mano
Tentare un altro destino che vada più lontano
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte
Las flores, el hijo ausente
La cama roja, el cráneo enfrente
La suerte novia, el sueño roto
La niña hermosa y mi destino
La muerte

  • shares
  • Mail