Loretta Goggi compie 69 anni: le sue canzoni più amate

Loretta Goggi, ecco alcune delle sue canzoni più famose e amte

Loretta Goggi, oggi, compie 69 anni. La cantante e conduttrice, attualmente giudice di Tale e Quale show, è stata ospite di Mara Venier a Domenica In dove ha interpretato uno dei suoi più grandi successi, L'aria del sabato sera.

In occasione del suo compleanno, ecco alcune delle sue canzoni più famose e amate, da Maledetta primavera a Il mio prossimo amore.

Maledetta primavera

Voglia di stringersi e poi
Vino bianco, fiori e vecchie canzoni
E si rideva di noi
Che imbroglio era
Maledetta primavera
Che resta di un sogno erotico se
Al risveglio è diventato un poema?
Se a mani vuote di te
Non so più fare
Come se non fosse amore
Se per errore
Chiudo gli occhi e penso a te
Se per innamorarmi ancora
Tornerai, maledetta primavera
Che imbroglio se
Per innamorarmi basta un'ora?
Che fretta c'era
Maledetta primavera?
Che fretta c'era
Se fa male solo a me?
Che resta dentro di me?
Di carezze che non toccano il cuore
Stelle una sola ce n'è
Che mi può dare
La misura di un amore
Se per errore
Chiudi gli occhi e pensi a me
Se per innamorarmi ancora
Tornerai, maledetta primavera
Che imbroglio se
Per innamorarsi basta un'ora?
Che fretta c'era
Maledetta primavera?
Che fretta c'era
Maledetta come me
Lasciami fare
Come se non fosse amore
Ma per errore
Chiudi gli occhi e pensa a me
Che importa se
Per innamorarsi basta un'ora?
Che fretta c'era
Maledetta primavera?
Che fretta c'era
Lo sappiamo io e te
Maledetta primavera

L'aria del sabato sera

Sabato sabato sabato
L'aria del sabato sera
ritorna leggera da me
un'aria un po' disonesta
mi riempie la testa di te
avevo chiuso però
non saprò dirti di no
comincerà che non voglio
e dopo mi spoglio
mi basteranno due fiori
rinuncio a andar fuori ah ah
e lascerò che fra noi
tutto ritorni com'era
aria ruffiana e leggera
del sabato sera
sabato mi succede
ogni sabato
che mi accorgo
che è sabato
perché sento nell'aria
la voglia di te
e ancora un sabato
da non perdere
sabato come
un ultimo sabato
per rivivere
la prima volta con te
l'aria del sabato sera
riporta leggera da me
quella follia passeggera
e un po' di maniera per te
e finirà che tra noi
tutto ritorna com'era
aria ruffiana e leggera
del sabato sera
e torna l'aria leggera
del sabato sera
sabato mi succede
ogni sabato
che mi accorgo
che è sabato
perché sento nell'aria
la voglia di te
e ancora un sabato
da non perdere
sabato come
un ultimo sabato
per rivivere
la prima volta con te
come ogni sabato sera con te

Il mio prossimo amore

Tu sopra di me sete d'estate che male c'e
c'e che non amo mal l'acqua che bevo
ma che gusto c'e se conto le stelle sopra di te
sopra di noi e intanto il mio prossimo amore
gli do appuntamento e gia un po me lo sento
a un passo dal cuore.
Sara piu grande il mio prossimo amore
sara notti chiare che pochi conoscono
che importa il nome che avra quando e come sara.
Sara piu grande il mio prossimo amore
ci passo le ore anche quando non passano
la prima volta era un Re ora e quello che e
ma somiglia un po a me ecco perche.
Quando non va
quando e duro ballare
con la realta lui gia lo sa
e tutto a un tratto un pensiero incosciente
mi prende a braccetto e mi prende la mente
poi cosa mi prende.
Sara piu grande il mio prossimo amore
sara notti chiare di quello che restano
che Importa se finira bello come sara.
Sara piu grande il mio prossimo amore
ci passo le ore ma i sogni non bastano
se la mia vita non e tutto il bene che c'e
chiuso dentro di me.
Che importa il nome che avra quando e come sara?
Sara piu grande il mio prossimo amore
sara notti chiare che pochi conoscono
la prima volta era un Re ora e quello che e
ma somiglia un po a te chissa perche.

Io nascerò

Se il tuo blu
non e’ uguale al mio
se non sai
che colore ho io
se non vuoi
respirare con me
io vivrò
anche senza di te.

sabbie mobili
sotto di noi
e sei tu
il più debole ormai
io e te
divisi a metà
io e te
più distanti più in là
più in la’
io nascerò
dove ti ho lasciato nascerò oh oh
non avrò paura più
del tuo maestrale eh
non voglio più affondare eh eh
uouh uouh
io nascerò
per me sola ancora nascerò oh oh
nessun vento mi potrà più
fare male eh
ormai affronto il mare eh eh

se il tuo film
finisce cosi’
se c’è un no
invece di un si
sabbie mobili
sotto di noi
e la luce si
spegne oramai ormai.
io nascerò
dove ti ho lasciato nascerò oh oh
non avrò paura più
del tuo maestrale eh
non voglio più affondare eh eh
uouh uouh
io nascerò
per me sola ancora nascerò oh oh
nessun vento mi potrà più
fare male eh
ormai affronto il mare eh eh
uouh uouh
io nascerò
per me sola ancora nascerò oh oh
nessun vento mi potrà più
fare male eh
non voglio più affondare eh eh

  • shares
  • Mail