Sanremo 2020, MEI: "Intitolare l'Ariston a Domenico Modugno, segno di rispetto e innovazione"

A venticinque anni dalla morte del cantante, la proposta di Giordano Sangiorgi: "Ci auguriamo che la Rai raccolga l'idea"

A venticinque anni dalla scomparsa di Domenico Modugno, arriva la proposta: intitolare il palco del Teatro Ariston alla voce di Polignano a Mare. Ad avanzare la proposta è stato Giordano Sangiorgi, patron del Meeting delle Etichette Indipendenti e organizzatore della Festa della Musica dei Giovani del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Durante il Tavolo della Musica e di Sanremo, promosso dall'amministratore delegato della RAI Fabrizio Salini, Sangiorgi ha avanzato l'idea di dedicare al cantante di Nel blu dipinto di blu il teatro di Sanremo, che è simbolo della musica e della cultura televisiva nazionale. La messa in onda della settantesima edizione del Festival della Canzone Italiana, condotto e organizzato da Amadeus, potrebbe offrire l'occasione giusta per l'omaggio.

Ecco le parole di Giordano Sangiorgi in merito alla natura della proposta, che si augura possa trovare ascolto prima di febbraio 2020:

Sarebbe un grande segno di rispetto e di innovazione e un meritato riconoscimento che ci auguriamo la Rai raccolga perchè farebbero entrare prima di ogni cosa la grande musica, il cuore e la passione nel segno del più grande Made in Italy musicale già dentro la settantesima edizione del Festival di Sanremo ancora prima di cominciare.

 

  • shares
  • Mail