Katy Perry, Dark Horse è un plagio. Il commento in un comunicato stampa: "E' una farsa della giustizia"

Ecco le parole del comunicato stampa rilasciato

Vi abbiamo riportato, nei giorni scorsi, la notizia del verdetto di una giuria del tribunale di Los Angeles che, dopo una causa inizialmente intentata nel 2014, ha ritenuto "Dark Horse" un plagio di una canzone cristiana del 2008, interpretata da Flame (Marcus Gray) e intitolata "Joyful Noise"

Katy Perry e i suoi collaboratori hanno rilasciato una dichiarazione definendo il tutto come una "parodia della giustizia". Durante tutto il processo, gli avvocati della Perry hanno sottolineato come il ritmo in questione fosse troppo semplice e comune per essere ragionevolmente protetto da copyright. Ma la giuria ha deciso il contrario. E così, ecco la reazione della Perry e dei suoi collaboratori in un comunicato stampa rilasciato in queste ore:

"Gli autori di" Dark Horse "considerano il verdetto come una parodia della giustizia. Non c'è violazione. Non vi era accesso di sostanziale somiglianza. L'unica cosa in comune è l'espressione improbabile - le note "C" e "B" equidistanti siano ripetute. Persone tra cui musicologi di tutto il mondo esprimono il loro sgomento per questo. Continueremo a combattere a tutti i livelli appropriati per correggere l'ingiustizia"

A firmare la dichiarazione sono stati Katy Perry, Dr. Luke (Lukasz Gottwald), Cirkut (Henry Walter), Max Martin (Karl Sandberg), Juicy J (Jordan Houston) e Sarah Hudson.

Katy Perry e i suoi collaboratori dovranno pagare 2,78 milioni di dollari per questa violazione del copyright.

  • shares
  • Mail