We’re going to Ibiza dei Vengaboys diventa un inno politico in Austria: la band ringrazia esibendosi a Vienna (VIDEO)

Ibiza dei Vengaboys è schizzato alla numero uno nella classifica dei singoli più venduti in Austria, diventando, per caso, un inno politico: la band ringrazia esibendosi a Vienna.

La sinistra riparta dai Vengaboys. In questi giorni, la hit We’re going to Ibiza, registrata 20 anni fa, è tornata in vetta alle classifiche austriache sulla scia di uno scandalo che ha coinvolto il Primo Ministro e leader del partito di destra FPÖ, Heinz-Christian Strache.

Il politico, che ha già dichiarato le sue dimissioni, avrebbe infatti incontrato un magnate e investitore russo ad Ibiza, promettendo contratti da parte del suo governo in cambio di supporto elettorale.

Alla luce di quanto accaduto, il comico tedesco Jan Böhmermann ha pubblicato sui suoi social il video ufficiale del pezzo dei Vengaboys, promuovendo così il brano che dopo due decadi è nuovamente schizzato alla numero uno.


Per ringraziare i fan austriaci, il gruppo eurodance olandese  (fondato dai dj Wessel van Diepen e Dennis van den Driesschen) si è esibito nel corso di una manifestazione antifascista a Vienna, sventolando fiero una grande bandiera con su scritto "antifa".




Welcome to Ibiza dei Vengaboys, vi ricordiamo, è un rifacimento di Barbados, hit dei Tipically Tropical risalente al 1975.

 

 

 

  • shares
  • Mail