Baby K: "Sento di aver lasciato un segno, sia nel pop sia nel rap..."

Baby K intervistata su Vanity Fair nega una competizione con la collega Giusy Ferreri per le due hit estive. E fa un bilancio della sua carriera.

baby-k-da-zero-a-cento.jpg

Se qualche anno fa Baby K e Giusy Ferreri erano, insieme, le regine dell'estate con "Roma-Bangkok", quest'anno si sono separate per due progetti paralleli, pronti, entrambi, a conquistare il titolo di tormentone dell'estate 2018. Giusy è tornata con "Amore e Capoeira" mentre Baby K ha sfornato "Da zero a cento", brano portante dello spot Vodafone.

In una recente intervista rilasciata a Vanity Fair, la cantante però specifica subito: "Ma io non voglio creare competizione. Specie tra donne, metterci una contro l’altra non mi piace". Poi, agganciandosi alla sua ultima hit, spiega:

"E' un brano che ho seguito in prima persona: l’ho scritto, interpretato, musicato, coprodotto. Per me è stato un ritorno alle origini, visto che prima di Roma-Bangkok facevo sempre tutto da sola"

In merito alla recente moda del rap/trap, commenta così il fenomeno:

"Basta vedere con quale velocità nascono gli artisti, talvolta dal nulla. Il problema è che i ragazzi oggi conoscono solo i rapper del momento, il cerchio è un po’ chiuso. Un tempo, invece, chi ascoltava il rap era appassionato anche alla cultura hip hop, ne conosceva la storia. Io però sento di avere lasciato un segno: sia nel pop sia nel rap sono riuscita a cambiare le regole del gioco. E questo mi rende orgogliosa"

L'album uscirà entro la fine dell'anno.

  • shares
  • Mail