Shania Twain nella bufera “chiedo scusa se ho lasciato intendere che avrei votato per Donald Trump”

Intervistata dal The Guardian, Shania Twain dichiara che avrebbe votato Donald Trump alle elezioni USA. Le sue dichiarazioni scatenato polemiche feroci da parte dei suoi followers, che la costringono a scusarsi via social.

Shania Twain, la più celebre delle cantanti country canadesi nonché artista con milioni di copie alle spalle, è in queste ore finita al centro di un polverone mediatico non indifferente dopo una serie di dichiarazioni “scomode” finite sul The Guardian.

In questa intervista, rilasciata a Simon Hattenstone, la cantante di Come on over (il disco femminile più venduto nella storia della musica) ha dichiarato, fra le altre cose, che avrebbe tranquillamente votato per l’attuale presidente degli USA Donald Trump, definito “seppur offensivo, molto onesto”. Ecco un estratto dell’articolo apparso online:

volete qualcuno di rigido o di educato? Non che, in ogni caso, non sia possibile avere entrambe le cose. Se io dvoessi votare, non vorrei stronzate. Avrei votato lui perché avevo la sensazione che fosse una persona trasparente. Si dice che i politici questa qualità, di solito, non ce l’abbiamo giusto?

Le dichiarazioni di Shania Twain hanno portato gran parte delle minoranze statunitensi (quella LGBT, in particolar modo) ad insorgere contro la cantante, che fra le altre cose è storicamente una grande icona gay.

Travolta dalle critiche, la cantante si è dunque sentita in dovere di scusarsi su Twitter. Sul suo profilo ufficiale, Shania Twain ha dunque precisato di aver dato troppo poco contesto alla sua risposta, sottolineando di essere fortemente contraria a qualsivoglia tipo di discriminazione.

 

 

 

I Video di Soundsblog