Edoardo Bennato, Burattino Senza Fili - Legacy Edition: tracklist e contenuti del disco

Burattino Senza Fili - Legacy Edition di Edoardo Bennato: i contenuto dell'edizione speciale dell'album, in uscita il 23 marzo 2018.

burattino-senza-fili-edoardo-bennato.jpg

Esce oggi, 23 marzo 2018, a quarant’anni (e qualche mese) dalla pubblicazione, la "Legacy Edition" di "Burattino senza fili", capolavoro assoluto di Edoardo Bennato e della musica d'autore italiana, geniale metafora del potere e della società raccontata attraverso Pinocchio e i suoi compagni di favola.

L'album è disponibile in due versioni (bookset 40 pagine + 2 CD, e LP originale rimasterizzato 24-bit / 192kHz dai nastri originali + CD + libretto) il cofanetto comprende, nel primo disco, le otto canzoni immortali ("È stata tua la colpa"; "Mangiafuoco"; "La Fata"; "In prigione, in prigione"; "Dotti medici e sapienti"; "Tu grillo parlante"; "Il gatto e la volpe"; "Quando sarai grande") e, nel secondo, dal titolo "Canzoni senza fili", quattordici tracce (tra queste, le versioni francesi de "La Fata", "Il gatto e la volpe"; le versioni in studio de "Il paese dei balocchi", "Il mio nome è Lucignolo", "La Fata", "Al diavolo il grillo parlante", "Dotti medici e sapienti"; le versioni live di "Dotti medici e sapienti", "Mangiafuoco", "In prigione, in prigione", "È stata tua la colpa", "La fata", "Tu grillo parlante", "Il gatto e la volpe", "Quando sarai grande").

Ai tempi, il disco vide la luce una situazione movimentata, contraddittoria e, per tanti versi, irripetibile. Bennato aveva alle spalle altri quattro album, via via sempre più liberi, anarchici, esplosivi: trasportarono il linguaggio del folk, del blues, del rock’n’roll, in una terra assolutamente contemporanea, per parlare di libertà, della malvagità dei potenti e di molto altro.

Burattino senza fili è un concept, come all’epoca si diceva degli LP rock che raccontano una storia, dall’inizio alla fine, quasi fossero un romanzo fatto di canzoni. E dietro questo album c’è il romanzo di Collodi, una risorsa vastissima per l’ironia affilata e dolente del musicista napoletano.

  • shares
  • Mail