Taylor Swift, Reputation: niente streaming il giorno dell'uscita dell'album?

Taylor Swift sembra non voler rilasciare in streaming il suo nuovo album, Reputation.

reputation-swift.jpg

Continua a non essere idilliaco il rapporto tra Taylor Swift e lo streaming. La cantante rilascerà il suo nuovo album, Reputation, il 10 novembre 2017. Ma, secondo quanto emerso, l'album non dovrebbe essere disponibile con l'ascolto in streaming. Le indiscrezioni parlano di una serie di contatti tra le società di musica online e lo staff dell'artista per definire e decidere insieme il giorno esatto in cui Reputation potrà essere ascoltato da tutti.

Nelle scorse ore, intanto, è stata resa nota la tracklist del disco.

Due anni fa, la cantante aveva condiviso pubblicamente una leggera in merito alla sua decisione di non concedere l'album all'ascolto in streaming:

Scrivo questo per spiegare perché sto escludendo il mio album, 1989, dal nuovo servizio di streaming, Apple Music. Sento che questa cosa meriti una spiegazione perché Apple è stata e continuerà ad essere uno dei miei migliori partner e alleati nella vendita di musica e nella creazione di modi per connettermi con i fan. Io rispetto la società e le geniali menti che hanno creato un retaggio basata sull'innovazione e spingendosi oltre i confini. Sono certa che siate consapevoli che Apple Music offrirà una prova di 3 mesi gratis per chi si iscrive al servizio. Non sono sicura, però, che voi sappiate che Apple Music non pagherà gli autori, produttori o artisti per quei tre mesi. Trovo che sia sconvolgente, deludente, diverso da quello che è questa azienda, storicamente progressiva e generosa.

Non si tratta di me. Per fortuna io sono al mio quinto album e posso sostenere me stessa, la mia band, staff, e tutto il management cantando nei miei spettacoli dal vivo. Questo è per il nuovo artista o la band che ha appena pubblicato il loro primo singolo e non sarà pagata per il suo successo. Questo è per il giovane cantautore che ha appena ricevuto il suo primo taglio e ha pensato che le royalties lo avrebbero salvato dalle spese. Questo è per il produttore che lavora instancabilmente per innovare e creare, proprio come gli innovatori e creatori di Apple sono all'avanguardia nel loro campo ... ma non sarà pagato per un quarto di un anno con le sue canzoni.

Queste non sono le lamentele di una viziato, bambina petulante. Questi sono i sentimenti di ogni artista, autore e produttore nei miei ambienti che hanno paura di parlare pubblicamente perché ammiriamo e rispettiamo così tanto la Apple. Noi semplicemente non rispettiamo questa particolare scelta. Mi rendo conto che Apple stia lavorando con lo scopo di uno streaming a pagamento. Penso che sia bello il progresso. Sappiamo come sia stato astronomico il successo di Apple e sappiamo che questa azienda incredibile ha i soldi per pagare gli artisti, autori e produttori per il periodo di prova di tre mesi ... anche se è gratis per i fan.

Tre mesi sono un tempo lungo per non essere retribuito, ed è ingiusto chiedere a chiunque di lavorare per nulla in cambio. Lo dico con amore, rispetto e ammirazione per tutto quello che la Apple ha fatto. Spero che presto possa unirmi a loro verso un modello di streaming che sembra giusto a coloro che creano la musica. Penso che questo potrebbe essere la piattaforma adatta. Ma io vi dico, Apple, con tutto il rispetto, non è troppo tardi per cambiare questa politica e cambiare le menti di coloro che nel mondo della musica saranno profondamente e gravemente colpiti da questo. Noi non vi chiediamo iPhone gratis. Per favore, non chiedeteci di fornire la nostra musica senza alcun indennizzo.
Taylor

  • shares
  • Mail