Britney Spears, 10 anni dalla pubblicazione di Blackout [curiosità]

Blackout di Britney Spears: l’album compie 10 anni. Curiosità e notizie sul disco.

Blackout è il quinto disco in studio di Britney Spears ed è stato pubblicato il 26 ottobre 2007. L’album segnava il ritorno della popstar, in un periodo particolarmente difficile della sua vita privata e pubblica, inseguita dai paparazzi e al centro del gossip e dell’eco mediatico, culminato con le immagini in cui la cantante si rasa i capelli da sola e prende a colpi di ombrello un auto, immortalata dai fotografi. Un periodo buio dal quale sembrava impossibile uscire e, invece, fortunatamente, Britney è riuscita a riprendere il controllo della sua vita e a lasciare da parte scandali e comportamenti bizzarri.

Proprio in quel periodo, Blackout veniva pubblicato e, ad oggi, è uno dei lavori più amati dai suoi fan. A trainare il disco fu il singolo “Gimme More“. Chi non ricorda la frase diventata cult, “It’s Britney bitc*”? Fu pronunciata dalla popstar sotto richiesta del produttore, Danja, e poi inserita nella canzone proprio per accompagnare l’attesa del comeback musicale della Spears. Scritto da James Washington e Marcella Araica con Nate “Danja” Hills e Keri Hilson, Gimme More è uno dei pezzi più ballati e iconici della popstar, nonostante sia stato accompagnato da un video ferocemente criticato. Al centro delle immagini, due Britney -una bionda e una mora- in un locale. Se la prima è con le amiche al bancone a ridere e chiacchierare, l’altra -più aggressiva- si cimenta in balli contro un palo da lap dance. Alla clip sono state accompagnate diverse voci di corridoio sul concept originale che doveva essere ben diverso dal risultato finale. Secondo alcuni rumors, l’idea iniziale vedeva una Britney bionda rapita e uccisa da una Britney mora (simbolo della vecchia Britney ormai deceduta), che in seguito va al funerale della Spears bionda e da lì viene inseguita da un ragazzo, che la segue fino ad un club, dove la Spears lo semina e inizia a ballare. Nell’immaginario comune, Gimme More è sicuramente legato alla performance disastrosa eseguita agli MTV Video Music Awards 2007 di Las Vegas. Con un balletto improvvisato e l’aria assente, l’esibizione fu al centro di critiche per settimane.

Secondo singolo estratto da Blackout su “Piece of me”, un vero e proprio attacco all’attenzione (eccessiva) dei media nei suoi confronti. Il video fu girato da Wayne Isham, la canzone -invece- è scritta da Christian Karlsson, Pontus Winnberg, Klas Åhlunded e prodotta da Bloodshy & Avant. Secondo quanto dichiarato dal Daily Mail, il video sarebbe costato 500.000 dollari, il clip più costoso dai tempi di “Toxic”. La vittoria del premio “Video of the year” ha lasciato sorpresa Britney che dichiarò:

“E’ un bel video, ma penso che altri che ho fatto fossero migliori quindi sono rimasta davvero stupita che abbia ottenuto questo riconoscimento.

Terzo singolo estratto fu “Break the Ice“. In questo caso, Britney diventa versione cartoon. Un video musicale animato diretto da Robert Hales, vede la popstar mentre combatte un’orda di cattivi e si adopera per liberare un esercito di cloni sul mondo. Il timore di essere clonato è diventato un tema ricorrente, quello che aveva già visitato in precedenza come nella demo di “Mona Lisa”. Inizialmente, nel pezzo, avrebbero dovuto esserci maggiori dialoghi parlati ma, alla fine, vennero eliminati dalla versione finale.

Secondo alcune indiscrezioni, invece di “Gimme More”, si era pensato a “Toy Soldier”, “Get Back” e “Hot as Ice” come lead single di Blackout.

Nel disco è presente anche il singolo “Radar”. Inizialmente doveva essere quello l’ultimo pezzo rilasciato dal disco ma si è deciso di chiudere anzitempo l’era Blackout e di fermare la promozione del disco. La canzone venne così inserita nel lavoro successivo, Circus, e il brano fu il secondo singolo estratto dopo “Womanizer”.

Blackout è arrivato fino al secondo gradino della Billboard 200 mentre in Italia non è andato oltre la sesta posizione della classifica Fimi dei dischi più venduti.

– Secondo i progetti iniziali, Blackout doveva avere una re-release prevista per giugno 2008. Ma il brutto periodo in cui venne rilasciato l’album e la cattiva pubblicità che girava intorno a Britney, convinse la casa discografica a chiudere in anticipo questa era e puntare al successivo album, Circus, completamente diverso dalle atmosfere che gravitavano intorno a Blackout.

– Break the Ice, prima del video cartoon, prevedeva la presenza di Britney e una dance routine con una sedia. Tutto cancellato per le difficoltà personali della Spears, in quel periodo.

– Prima di Blackout l’album doveva intitolarsi ‘Black’, ‘Black Curtain’ o ‘Piece of Me’. Fu poi scelto il titolo finale per rispecchiare proprio il periodo buio della sua vita.

– Queste le canzoni registrate (alcune poi inserite) per l’era Blackout:

Gimme More (Danja)
Pull Out (Danja & Lil’ Jon)
Break the Ice (Danja)
Outta This World (Danja)
Get Back (Danja)
Ooh Ooh Baby (Fredrick and Karo DioGuardi)
Catch Me If U Can (Danja)
Kiss Me All Over (Sean Garrett)
Everybody (J. Rotem)
Get Naked (Danja)
State of Grace (Lisa Greene & Steven Anderson)
Cry